Domenica 22 settembre a Milano torna East market, un appuntamento sempre molto atteso da tutti gli appassionati del vintage. La nuova stagione del mercatino milanese sarà allestita nella solita location di via Mecenate, all'interno della ex fabbrica aeronautica dei primi del ‘900, dove si sono svolte anche le precedenti edizioni. Un'area di oltre seimila metri quadrati suddivisa a seconda della tipologia delle merce esposta: dall'usato al vintage, passando per il modernariato, l'arte, il design e il mondo del collezionismo, fino ad arrivare alle migliaia di capi di abbigliamento. E poi ancora videogiochi, fumetti, accessori, scarpe e borse, cd e dischi, mobili e complementi d'arredo, libri, poster, riviste e stampe, elettronica, militaria, stranezze varie, piatti, porcellane e utensili e molto altro ancora. Ce n'è davvero per tutti i gusti, una ricca rassegna di oggetti a cui quest'anno si aggiungerà un'intera ala che prenderà il nome di “New Furniture Area”, uno spazio dedicato agli espositori di arredamento, oggettistica e home decor.

East Market: tra vecchie conoscenze e volti nuovi

Per la nuova stagione di East Market sono previste anche alcune new entry. Nella giornata di domenica 22 settembre saranno presenti: Luciano Biasibetti, un artigiano che customizza chitarre elettriche con coloratissime decorazioni, e Ilario Fantini che presenterà RKF (Royal Khabib Familia), un progetto nato dalla passione per l’arte sacra e la street art. Un tema molto caro agli organizzatori di East Market è quello della sostenibilità ambientale, in particolare il vintage come cultura e consapevolezza del riciclo, saranno due temi etici fondamentali che lo staff intende incrementare per tutti i prossimi appuntamenti. Si pensi che in media, per ogni paio di jeans vintage venduti si risparmiano 3.800 litri d’acqua, 12 m² di terreno e 18,3 Kw/h di energia elettrica, a fronte di un’emissione di 33,4 kg di CO2. L'obiettivo è quello di valorizzare il senso estetico degli oggetti, ma allo stesso tempo senza dimenticare gli aspetti ecologici.

East market: non solo vintage

I visitatori potranno passeggiare tra le bancarelle del mercatino concedendosi dei momenti di ristoro negli spazi dedicati allo street food. Un menu internazionale completissimo, con Hot Dog, Pulled Pork, Bun e Burritos, oltre ai consueti Jerk Chicken, Burger e molto altro. Una delle novità di questa edizione consiste nella politica #plasticfree, che dimostra una volta di più la volontà di promuovere una cultura dell'ecologia coniugata al gusto del bello. In programma anche diversi dj set con il meglio delle selezioni musicali del momento e del passato a cura di DJ Henry, e ancora East Market Shop, il corner dove è possibile acquistare il merchandise ufficiale di East Market tra magliette, tazze e gadget. Infine segnaliamo che l'entrata sarà spostata da Via Mecenate 84 al civico 88/A, per rendere più agevole lo spostamento del pubblico tra le varie aree del mercatino.