Alessio Stigliano e Alessandro Tenace, i The Show
in foto: Alessio Stigliano e Alessandro Tenace, i The Show

Alessio Stigliano e Alessandro Tenace, 29 anni, gli youtuber noti come The Show, sono finiti nei guai per una gag in cui interpretavano dei finti assistenti civici, con tanto di pettorina gialla e tesserini plastificati con la loro fotografia e il logo del Comune di Milano, e rimproveravano passanti e clienti nei negozi che si assembravano troppo. Lo scherzo non è piaciuto al titolare di un esercizio che ha chiamato la polizia. Risultato? Denunciati a piede libero per usurpazione di titoli.

Si fingono assistenti civici: The Show denunciati per usurpazione di titoli

Tutto è successo all'inizio di questa settimana quando i due noti personaggi televisivi e youtuber, il cui canale ha oltre con oltre 3 milioni di iscritti, si sono presentanti in un negozio di corso Lodi a Milano. Uno di loro, interpretando il ruolo di assistente civico (i volontari che dovrebbero essere arruolati con il compito di garantire il distanziamento sociale), ha iniziato a ordinare ai clienti di allontanarsi perché troppo vicini. Quando il negoziante ha chiesto spiegazioni, lui ha continuato a insistere sostenendo di dover scongiurare assembramenti e ha estratto un petardo dal marsupio e lo ha messo sul bancone del locale. Il titolare spaventato lo ha lanciato fuori dal negozio, ma il finto assistente civico ne ha tirato fuori un altro.

Dopo lo scherzo un negoziante ha chiamato la polizia

Per concludere la gag, lo youtuber ha tirato fuori un blocchetto giovane e ha fatto finta di fare una multa. Poi ha spiegato che si trattava di uno scherzo. Solo allora è stato riconosciuto da un dipendente del locale e si è allontanato. Il negoziante, infuriato per "l'esperimento" di cui era stato vittima, ha denunciato l'episodio alla polizia. Il giorno successivo gli agenti hanno intercettato gli youtuber in Piazza Medaglie d’Oro (uno dei due indossava ancora la pettorina) e li hanno fermati e accompagnati in commissariato. Per i 29enne è scattato il sequestro di pettorine e badge e la denuncia a piede libero per usurpazione di titoli.