Blitz dei Carabinieri tra le province di Milano, Monza Brianza, Bergamo, Chieti e Pavia nei confronti di diciassette persone: le Forze dell'Ordine hanno eseguito una serie di misure cautelari personali e patrimoniali emesse dal Tribunale di Monza. L'accusa per gli arrestati è di associazione a delinquere aggravata dalla trans-nazionalità e finalizzata alla commissione di furti, ricettazione e riciclaggio di automobili.

In tutto, dunque, sono finite in manette diciassette persone: il bottino di questi furti ammonta a quasi due milioni di euro. Le automobili rubate, quasi tutte di lusso, spesso prendevano la strada dell'estero: la banda operava prevalentemente nelle province di Milano e Monza-Brianza.