Il teatro Ciak, in passato anche palcoscenico di X Factor, è stato sequestrato questa mattina dagli agenti della polizia locale di Milano. I vigili con il personale della polizia giudiziaria del dipartimento salute, ambiente e lavoro, hanno piombato i tre cancelli di ingresso e messo i sigilli all'area dove sorge la tensostruttura. L'ipotesi degli inquirenti, coordinati dal pubblico ministero Francesco De Tommasi, è che la struttura sia in via di demolizione per essere ricostruita, nonostante sia scaduta l'autorizzazione temporanea del Comune. Il reato è mancata demolizione di opere abusive.

Sequestrato il teatro Ciak di Milano: era il set dei live di X Factor

La struttura ha ospitato, tra le altre cose, il live finale di X Factor dal 2016 al 2018. Secondo quanto ricostruito, lo storico teatro milanese, sorto in via San Gallo negli anni Settanta, poi trasferito presso la Fabbrica del Vapore e infine in viale Puglie, è diventato una tensostruttura che avrebbe dovuto essere smantellata lo scorso dicembre. Il Comune però, per evitare di cancellare il programma e far andare in scena tutti gli spettacoli in cartellone, aveva concesso una autorizzazione temporanea fino almeno alla fine dello scorso maggio. Ora sono in corso i lavori di demolizione e ristrutturazione ma, da quanto è stato accertato, si starebbe ricostruendo una struttura simile senza, però, la copertura dell'idonea autorizzazione. Tutto ciò sarebbe in contrasto con il testo unico dell'edilizia.

La segnalazione alla Procura sulla ricostruzione senza permessi è arrivata dal Comune di Milano. Scaduta la licenza triennale al teatro, infatti, era prevista la demolizione su cui era stata data una proroga fino a settembre. I tecnici dell'ufficio urbanistica si sono accorti però che una nuova tensostruttura era in costruzione senza permessi.