2.188 CONDIVISIONI
Covid 19
6 Maggio 2020
12:57

Milano, protesta di ristoratori e gestori di bar all’Arco della Pace: “Se apriamo falliamo”

Ristoratori e gestori di bar scendono simbolicamente in piazza a Milano per chiedere regole chiari e interventi immediati al governo sul loro futuro: sedie vuote posizionate all’Arco della Pace a rappresentare le attività commerciali delle oltre 2mila attività che ha aderito all’iniziativa. Cinquanta i commercianti presenti che hanno denunciato: “Non si può sopravvivere col delivery, ci sono le bollette e gli affitti da pagare oltre agli stipendi dei dipendenti – spiega il portavoce della protesta – se apriamo falliamo”.
A cura di Chiara Ammendola
2.188 CONDIVISIONI
La protesta all’Arco della Pace a Milano
La protesta all’Arco della Pace a Milano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Incassi ridotti, regole poco chiare e dipendenti da pagare: sono questi punti della protesta di ristoratori e proprietari di bar che questa mattina si sono dati appuntamento all'Arco della Pace a Milano per protestare contro il governo sulla riapertura delle attività commerciali. Sedie vuote in piazza con cartelli affissi per chiedere chiarezza sul futuro: presenti circa 50 commercianti che rappresentano le circa 2mila attività che hanno voluto prendere parte a questa iniziativa che ha creato l'hashtag #iononapro per l'occasione.

Delivery o asporto non sono la soluzione al problema

Portavoce della protesta il ristoratore Alfredo Zini che spiega: "Abbiamo incassi ridotti del 70% e rischiamo di non riaprire più. Non basta dire che alla riapertura dovremo usare il plexiglas per dividere i tavoli, vogliamo regole chiare perché viviamo di convivialità". L'opzione del delivery o dell'asporto non sembra essere una soluzione adatta a molti bar e ristoranti che non potrebbero sopravvivere con gli incassi derivanti solo da quel tipo di vendita: "Possono farlo le imprese familiari che non hanno dipendenti da pagare ma con quei ricavi non un'azienda non può stare in piedi – continua Zini – così possiamo pagare qualche utenza mensile o qualcuno paga la cassa integrazione ai dipendenti visto che ancora non è arrivata".

Potocolli rigidi, affitti e bollette da pagare: così non si può riaprire

È un futuro incerto quello dei commercianti milanesi che rischiano di diventare le nuove vittime della crisi economica e sociale causata dal Coronavirus. Poco lavoro, entrate minime e spese troppo elevate rispetto al fatturato, per questo #iononapro spiegano: "Non c'è futuro per le nostre attività, se apriamo falliamo. Lo Stato usa due pesi a due misure: i nostri protocolli sanitari sono rigidissimi e in più non ci permettono di licenziare, dobbiamo pagare anche affitti e bollette e sono mesi che siamo chiusi", spiega un altro dei commercianti presenti alla protesta.

2.188 CONDIVISIONI
29762 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni