Buone notizie per chi abita nei quartieri Baggio e al Quartiere degli Olmi, alla periferia sud-ovest di Milano. Il governo ha infatti finanziato il prolungamento della metro M1, la linea rossa, fino alle due zone periferiche cittadine: "Milano rientrerà nel finanziamento previsto di 3 miliardi per le infrastrutture", ha detto il ministro per le Infrastrutture e i trasporti Paola De Micheli durante l'inaugurazione del 157esimo anno accademico del Politecnico di Milano. L'assessore alla Mobilità Marco Granelli su Facebook ha poi precisato che il finanziamento riguarda "210 milioni dei 350 milioni necessari" per il prolungamento della M1 fino a Baggio-Olmi e "il piano full electric di ATM con almeno i primi 50 milioni per il primo anno". Comprensibilmente soddisfatto Granelli: "Due progetti che ci aiutano a cambiare la mobilità di Milano per avere meno traffico, meno inquinamento, e più trasporto pubblico per i nostri quartieri, soprattutto in periferia. Ora questi progetti non sono più una ipotesi o un desiderio ma una realtà. Grazie, ora avanti tutta".

M1: lavori in corso anche per il prolungamento a Monza Bettola

Il prolungamento della linea M1 della metro, sia in direzione Nord (verso Monza Bettola) sia verso sud, è un tema in agenda ormai da anni. Difficile però tenere traccia del rispetto dei tempi, distinguendo la realtà dai diversi annunci che si sono susseguiti. Nel 2017, dopo la ripresa dei lavori nei cantieri del prolungamento della tratta Nord della M1, il Comune di Milano dichiarava che la nuova tratta (due stazioni per 1,9 chilometri di tragitto) sarebbe dovuta entrare in esercizio entro la fine del 2019: una scadenza che appare oggi inverosimile anche in vista di alcuni problemi finanziari che rischiano di rallentare ulteriormente i lavori.

Metro M1 fino a Baggio-Olmi: i primi treni previsti nel 2027

Il prolungamento verso sud della M1, di cui parlava anche il Pums (Piano urbano per la mobilità sostenibile), prevede invece la realizzazione di tre nuove fermate, per un tracciato complessivo di tre chilometri e mezzo, con un nuovo capolinea fissato in via degli Ulivi. L'inizio dei lavori in questo caso è previsto per il 2021: lo stanziamento del governo arriva dopo che il Comune, lo scorso dicembre, aveva approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica del prolungamento. Se non dovessero esserci intoppi, i primi treni potrebbero iniziare a viaggiare verso Baggio nel 2027.