Erano arrivate a Milano trovando ospitalità in un appartamento tramite la piattaforma CouchSurfing, che permette di mettere a disposizione un posto letto o anche un divano (da qua il nome del sito) ai viaggiatori di passaggio nella propria città. Niente soldi, solo il piacere di fare nuovi incontri e amicizie e magari trovare un domani ospitalità e amici in altri paesi. Ma per due turiste francesi l'ospitalità in casa di un uomo è stata tutt'altro che piacevole, finendo con una denuncia per molestie sessuali. Le due amiche infatti hanno raccontato alle forze dell'ordine come l'uomo avrebbe tentato pesanti approcci sessuali nei loro confronti, in particolare con una di loro, nonostante il loro netto rifiuto entrando anche nella camera dove stavano tornando infilandosi nel loro letto. Fortunatamente dopo il netto rifiuto la ragazza è riuscita a divincolarsi chiamando in soccorso l'amica facendo desistere l'uomo, di cui non sono note le generalità né l'età.

Condannato ex carabiniere che ha stuprato 4 turiste ospitate con CouchSurfing

Ci sono dei precedenti di violenza sessuale le cui vittime erano ospiti tramite la piattaforma CouchSurfing, anche se si tratta di casi isolati visto e considerato l'enorme numero di utenti in tutto il mondo e la trasparenza su generalità e indirizzo presenti sul sito, che inoltre vigila ogni volta vengono segnalati dagli utenti annunci e comportamenti anomali o sconvenienti. In Italia Dino Maglio, ex carabiniere di Padova, è stato condannato solo due mesi fa a 12 anni di carcere per aver violentato quattro ragazze ospitate proprio tramite la piattaforma e di averne drogate altre dieci.