Intervento della polizia in un McDonald’s a Milano (immagine di repertorio)
in foto: Intervento della polizia in un McDonald’s a Milano (immagine di repertorio)

Un uomo di 37 anni, inserviente di un McDonald's di Milano, è stato arrestato dalla polizia per violenza sessuale nei confronti di una turista russa. Secondo gli investigatori alcuni giorni fa ha molestato una 26enne all'interno del locale, a tarda sera. Quando lei ha opposto resistenza l'ha colpita al volto con un pugno rompendole il naso.

Molesta una turista e le rompe il naso con un pugno: arrestato inserviente di McDonald's

È accaduto nella notte tra il 3 e il 4 novembre scorsi, all'interno del fast food in via Paolo Sarpi. Secondo quanto ricostruito dagli agenti, la giovane era entrata nel locale per chiedere aiuto per la connessione wi-fi. La ragazza aveva preso alloggio in un appartamento in zona, ma aveva bisogno di Internet per mettersi in contatto col proprietario di casa. Così, attorno alle 2 di notte è passata davanti al McDonald's dove ha incrociato l'inserviente, al quale ha chiesto a gesti di poter usare la rete. L'uomo, un egiziano, l'ha fatta entrare dal retro e le ha offerto del cibo. Subito dopo però ha tentato un approccio sessuale. La giovane ha reagito alla molestia e nella colluttazione è stata colpita da un pugno al volto che le ha rotto il setto nasale.

McDonald's: Il presunto responsabile dell'aggressione è stato allontanato

McDonald's Italia in una nota si dice "costernata per quanto successo nel ristorante di via Paolo Sarpi a Milano ed esprime la propria vicinanza alla ragazza vittima di questa violenza". "Il presunto responsabile dell'aggressione, dipendente della società di pulizie che collabora con il ristorante, è stato immediatamente allontanato dal servizio – si legge nella nota – non appena il gestore del ristorante è venuto a sapere dalla Polizia quanto accaduto. McDonald's e il licenziatario che gestisce il locale si sono resi immediatamente disponibili a collaborare con le forze dell'ordine per fornire tutte le informazioni in proprio possesso".

Lite tra due donne: accoltellato un 37enne intervenuto per separarle

Un'altra aggressione si è verificata a Milano nella serata di ieri, martedì 12 novembre. Una donna di 37 anni, dominicana, è stata arrestata per lesioni aggravate. È accusata di aver sferrato una coltellata allo stomaco a un uomo di 41 anni, cittadino peruviano, al culmine di un litigio con un'altra donna. La sudamericana si è scontrata con una 40enne, cognata del ferito, che accusava di averle rubato cinquanta euro. Il 37enne ha tentato di dividere le donne ed è stato colpito dal fendente. Trasportato d'urgenza all'ospedale di San Donato, è fuori pericolo.