Maxi operazione di sgombero nella mattinata di oggi, venerdì 10 luglio, in zona via Molise a Milano, nella periferia est della città. Circa cento uomini dei carabinieri si sono presentati tra via Faa di Bruno e piazzale Cuoco per liberare sei alloggi Aler occupati abusivamente. In ausilio dei militari, anche le attività aeree di elicotteri e quelle terrestri di unità cinofile, oltre a venti ispettori dell'Aler.

Presidente Commissione sicurezza Municipio 4: Grazie ai residenti che non si sono mai arresi

Secondo quanto riferito, tali sgomberi erano già stati programmati per un periodo poi interessato dal lockdown, motivo del ritardo della loro attuazione. Il presidente della Commissione sicurezza del Municipio 4, Francesco Rocca, ha quindi ringraziato "i residenti che non si sono mai arresi e continuano a denunciare episodi di illegalità e degrado, nonostante minacce ed intimidazioni". L'esponente di Fratelli d'Italia ha poi ringraziato anche "l’Arma dei Carabinieri e il personale Aler per il costante impegno sul territorio e per l’ottimo lavoro di questa mattina", auspicando che la lotta per "un quartiere migliore e più vivibile" continui. Il comitato Insubria Molise Calvairate, invece, ha dichiarato che "questo è il primo importante passo verso il ripristino della legalità". Per questo motivo, si accoda ai ringraziamenti del presidente Rocca citando le forza dell'ordine e i lavoratori Aler. Poi, aggiunge: "Come abbiamo sempre detto, noi non molliamo e non molleremo finché il quartiere non sarà più vivibile e tranquillo in ogni suo angolo".