Le palme e i banani rimarranno in piazza Duomo a Milano per i prossimi tre anni. La proposta vincitrice del bando per la cura delle aiuole ovest prevede infatti "il sostanziale mantenimento delle piante e delle essenze presenti, che si sono adattate al clima e all'estetica del luogo". Il progetto, spiega il Comune, "porterà un lieve aggiornamento delle aiuole, necessario a ristabilire una certa permeabilità visiva degli spazi. In particolare, verranno diradate le piantumazioni di banani che, godendo di ottima salute, negli anni si sono moltiplicati prendendo molto spazio all'interno delle aiuole, e uno sfoltimento delle specie Miscanthus sinesis, anch'essa divenuta molto rigogliosa". Resteranno le altre specie: palme, musa ensete, malvoni, hibiscus, ortensie paniculate, spighe del miscanthus. La Bergenia ibryda Bach sarà sostituita con la Felce Dryopteris erythrosora, "che offrirà un maggior risultato estetico e compositivo nella bordura delle strisce verdi a confine con la parte grigia della ghiaia nero ebano".

A febbraio del 2017 l'idea delle aiuole con palme e banane fu molto discussa, con i milanesi che si divisero tra contrari e favorevoli. Dopo quasi tre anni cittadini e  turisti hanno ampiamente accettato la nuova, esotica visuale sulla piazza più importante del capoluogo lombardo e, anzi, le piante sono diventate uno dei soggetti preferiti per le fotografie dei visitatori. Forse, però, non tutti si aspettavano che il progetto sarebbe stato rinnovato per altri tre anni e infatti, fino a un anno fa, le aiuole sembravano far parte di un piano temporaneo.