Ha solo 18 anni il ragazzo arrestato dagli agenti della polizia del commissariato di Greco Turro della Questura di Milano con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine il giovane avrebbe messo in piedi nella propria casa milanese un vero e proprio laboratorio nel quale lavorava e confezionava la droga da vendere. Nello stesso appartamento nel quale viveva con i genitori il 18enne aveva poi creato un angolo in cui alcuni dei suoi clienti o amici si ritrovavano per fumare la droga acquistata, con pipe o bong. La madre e il padre come emerso dalle indagini erano assolutamente all'oscuro di tutto.

Gestiva piazza di spaccio tra Greco e Stazione Centrale

All'interno del "coffee shop" ricreato dal 18enne i poliziotti durante il blitz hanno sequestrato 100 grammi di marijuana e 250 euro in contanti. Inoltre hanno trovato anche una sorta di diario nel quale erano annotati i clienti, la quantità di droga venduta e anche gli incassi. Numeri che hanno permesso alle forze dell'ordine di accertare che durante le feste di Natale e Capodanno il 18enne è riuscito a vendere 800 grammi di marijuana guadagnando oltre mille euro. Il giovane secondo quanto emerso dalle indagini era diventato il responsabile di una vera e propria piazza di spaccio di marijuana, che copriva la zona che va da Greco fino alla Stazione Centrale, zone nelle quali il 18enne vendeva la droga agli spacciatori locali.