È stato arrestato poco dopo la fuga il ladro che nella notte tra sabato 10 e domenica 11 agosto ha tentato di portare via l'incasso di una pasticceria rubando l'intero registratore di cassa: l'uomo infatti durante il colpo ha perso il borsello che conteneva anche la carta d'identità ed così tornato sul luogo del furto, trovando però la polizia ad attenderlo. È accaduto a Milano, in zona Arco della Pace: il ladro, un 45enne italiano, insieme con alcuni complici si è introdotto intorno alle 3 del mattino in una pasticceria di via Canonica. Dopo aver frantumato la vetrina della pasticceria con un sasso ha tentato di portare via i soldi: i ladri nella fretta per non essere scoperti hanno deciso di scassinare il registratore di cassa al cui interno erano conservate diverse centinaia di euro, tra i 500 e gli 800 euro precisamente, e portarlo con loro ma nel farlo si sono feriti lasciando evidenti tracce di sangue sui vetri del negozio oltre al borsello appartenente al 45enne.

Perde la carta d'identità durante un furto: ladro arrestato poco dopo dalla polizia

Poco dopo il colpo sul posto si sono precipitati gli agenti della questura di Milano che hanno solo potuto constatare l'avvenuto furto perché i ladri si erano dati già alla fuga: è durante i rilievi però effettuati dalla polizia scientifica che sono state trovate prima le tracce di sangue e poi il borsello che conteneva al suo interno i documenti del presunto ladro. Poco distante dalla pasticceria durante una perlustrazione gli agenti hanno poi trovato il registratore di cassa rubato, abbandonato in strada e nei suoi pressi un uomo intenzionato, ignaro della presenza della polizia, a rubare il denaro al suo interno. Ed è così che quando gli agenti lo hanno fermato e poi interrogato hanno scoperto che si trattava dello stesso uomo proprietario del borsello ritrovato in pasticceria: i dati da lui forniti corrispondevano infatti a quelli della carta d'identità, per lui è scattata una denuncia per furto aggravato in concorso.