Un incendio è divampato all'alba all'interno del Palazzo di Giustizia di Milano. Le fiamme hanno divorato alcuni locali al settimo piano. Distrutto l'archivio dell'ufficio dei giudici per le indagini preliminari. Un grave danno per l'attività giudiziaria del tribunale milanese. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco con numerose squadre, autopompe e scale, oltre a carabinieri, polizia locale e due ambulanze inviate dall'Azienda regionale emergenza urgenza. Non risultano persone ferite.

Incendio al Palazzo di Giustizia di Milano, ipotesi cortocircuito

Le cause del rogo non sono ancora chiare. Gli accessi al tribunale sono stati ridotti dal alcune settimane a causa delle disposizioni per il contenimento del coronavirus e all'ora in cui è scattato l'allarme, attorno alle 5.30 di oggi, sabato 27 marzo, non c'era nessuno all'interno della struttura, circostanza che fa pensare a un incidente. L'ipotesi più accreditata è quella di un cortocircuito ai sistemi informatici. "È stato un incendio violentissimo con danni terribili", ha spiegato il pm Alberto Nobili.

Distrutta la cancelleria dei gip

Le fiamme, secondo quanto confermato dai vigili del fuoco, avrebbero danneggiato un locale al settimo piano, dove si trovano anche gli uffici dei giudici per le indagini preliminari. Da successive verifiche è emerso che la cancelleria centrale dei Gip è stata distrutta. Non risultano particolari danni ad altre parti dell'edificio. I pompieri hanno avuto qualche difficoltà iniziale a raggiungere il punto dove si sono propagate le fiamme. Poco dopo le 8 le fiamme erano comunque già state spente ed erano state avviate le verifiche del caso per la messa in sicurezza dell'edificio. Non risultano persone ferite o intossicate.

Il Palazzo di Giustizia era stato chiuso per una sanificazione straordinaria all'inizio del mese di marzo, dopo che alcuni magistrati erano risultati positivi al covid-19. Le attività sono poi riprese, ma con forti limitazioni e solo per i procedimenti urgenti. Un altro incendio è scoppiato attorno alle 7.3o a Rovagnasco di Segrate, in via Giorgio Amendola. Le fiamme sono scaturite all'interno di un appartamento.Una donna di 48 anni rimasta coinvolta con lievi conseguenze.