Una visita non gradita quella del sindaco di Milano Beppe Sala che si è recato per dare gli auguri di buon Natale ai suoi cittadini nel quartiere Corvetto, zona a sud est della città. Il primo cittadino è stato accolto però da una gruppo di antagonisti, circa una decina di persone che hanno dato il via a una contestazione nei suoi confronti: "Te ne devi andare. Non sei niente, tornatene nella tua casa di lusso – gli hanno urlato – ti fai vedere solo per tagliare il panettone. Sei un pezzo di m…". Immediato l'intervento degli agenti della polizia locale che hanno scortato Sala via da piazza Angiliberto dove si sono presentati i contestatori.

No agli arresti degli attivisti dei giorni scorsi

Nei confronti del sindaco sono poi volati anche insulti e diversi sputi. A difesa di Sala però è intervenuto un gruppo di anziani Alpini che hanno dato il via a una serie di spintoni con gli antagonisti. Il sindaco ha poi risposto al gruppo in protesta che era lì per dire no agli arresti dei giorni scorsi di alcuni attivisti del Comitato di quartiere Giambellino-Lorenteggio, che sono stati accusati di gestire le occupazioni abusive delle case popolari. Gli antagonisti hanno protestato contro il sindaco anche per dire no agli sgomberi che avvengono "ogni giorno nel quartiere dove le famiglie vengono messe in mezzo alla strada". Dopo circa mezz'ora dal suo arrivo, il sindaco ha dovuto lasciare il quartiere a bordi un'auto, mentre gli antagonisti sono andati via.