1.313 CONDIVISIONI
Coronavirus
13 Maggio 2020
8:00

Milano, i nuovi senzatetto vittime del Coronavirus: “Abbiamo perso casa e lavoro: non abbiamo nulla”

Sono i nuovi senzatetto, spesso giovani, che a causa del Coronavirus hanno perso lavoro e casa e che abbandonati dalle istituzioni si ritrovano a dormire in strada, nel centro di Milano alle spalle del Duomo. Tra la ricerca di cartoni per la notte e fontanelle da utilizzare per potersi lavare le loro giovanissime vite scorrono tra incertezze e paure. Fanpage.it ha trascorso una notte con loro per conoscere le loro storie e dare loro voce.
A cura di Chiara Ammendola
1.313 CONDIVISIONI
Senzatetto a Milano a causa del Coronavirus
Senzatetto a Milano a causa del Coronavirus
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

È un presente fatto di incertezze quello degli italiani dopo che l'emergenza sanitaria ha messo un punto alle loro vite sospese tra quello che potrà succedere nei prossimi mesi e un passato ormai lontano. In quel passato però c'erano persone, stabilità e soprattutto lavori che il Coronavirus ha spazzato via e che la crisi socioeconomica che sta prendendo il posto di quella sanitaria sembra acuire. Alcuni però hanno pagato un prezzo più alto di altri e chi non ha avuto alle spalle un familiare o un supporto dalle istituzioni si è ritrovato privato di tutto e costretto a vivere in strada: sono i nuovi senzatetto vittime del Covid-19 e a Milano sono perlopiù giovanissimi che da settimane non hanno un posto dove andare e vivono non sapendo cosa ne sarà di loro.

Le notti in centro alle spalle del Duomo tra paure e speranze

Fanpage.it ha trascorso con loro una notte per conoscere le loro storie che si sviluppano nel centro del capoluogo lombardo alle spalle del Duomo. È nei vicoletti tra la piazza e San Babila che i senzatetto cercano riparo per la notte, con la paura di poter essere aggrediti o derubati: sono in molti a raccontare infatti di aver subito delle rapine e di essere rimasti senza i pochi soldi che avevano in tasca. E così è fondamentale cercare un rifugio sicuro e che li protegga anche dalle intemperie, freddo e pioggia che a Milano non mancano anche in primavera; e così diventa fondamentale avere dei cartoni sui quali stendere i sacchi a pelo per non dormire sull'asfalto e trovare un bagno da poter utilizzare quando si ha bisogno. Sono ex baristi, camerieri o aiuti cuoco che hanno raggiunto Milano con la speranza di un lavoro e che a pochi mesi dall'inizio di quelle vite che sembrava fortunate hanno perso tutto finendo in strada: c'è chi non può tornare a casa perché lontana e chi invece una cosa non ce l'ha.

Ho avuto anche brutti pensieri, poi li ho fatti passare

Le fontanelle della città diventano docce e lavanderie e le prese di corrente all'aperto sono utilizzate per ricaricare gli smartphone. "Prima avevo una vita normalissima, un lavoro, una ragazza – spiega un ragazzo a Fanpage.it – avevo la moto, giravo per la città, poi all'improvviso è cambiato tutto. Questa non è una decisione, sei costretto a vivere così se non hai un lavoro e i soldi per pagare un affitto o le bollette". "Le prime settimane è stato bruttissimo, non sapevo dove andare, dormivo sui treni o negli autobus ma lì rischi di essere derubato – continua – a un certo punto ho fatto anche cattivi pensieri, poi mi sono ripreso". E quando gli viene chiesto come cambierà la sua vita con la ripartenza del paese risponde: "Non lo so, spero in meglio. Io non voglio stare così, non mi piace, rivoglio la vita di prima", prima di chiudersi nella tenda dove a guardia delle sue cose trascorrerà la notte prima di essere svegliato dalla polizia locale.

1.313 CONDIVISIONI
27074 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni