Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

È stato denunciato per tentata truffa l'uomo che a Milano nella giornata di sabato 14 settembre ha tentato di incassare il montepremi di un gratta e vinci rubato. Intorno alle 17 il 59enne si è recato in una tabaccheria di via Primaticcio per riscuotere 200 euro ma una volta consegnato il tagliando alla tabaccaia, quest'ultima, grazie al sistema in dotazione ha scoperto che si trattava di un gratta e vinci rubato. Immediatamente la donna di nazionalità cinese ha allertato le forze dell'ordine che sono giunte sul posto per effettuare il controllo: agli agenti della questura di Milano l'uomo ha raccontato di essersi recato a riscuotere la vincita per conto del fratello, invalido e per questo impossibilitato a ritirarlo personalmente.

Truffa del gratta e vinci: fermato mentre tentava di incassare 200 euro

A questo punto la polizia si è recata nell'appartamento del fratello che all'arrivo della polizia ha spontaneamente deciso di consegnare loro un trolley contenente oltre 600 gratta e vinci. Agli agenti il 51enne ha raccontato di aver incassato poco prima un biglietto vincente nella stessa tabaccheria grazie al fatto che la macchina che ne controlla l'integrità fosse fuori uso: per questo aveva deciso di riprovare con un secondo tagliando chiedendo al fratello di recarsi al suo posto. L'uomo però questa volta è incappato nel controllo che gli è costato caro. I due fratelli di 51 e 59 anni sono stati denunciati rispettivamente per truffa e tentata truffa.