Un nuovo progetto che darà nuova vita alla stazione metropolitana di Sant'Ambrogio a Milano, che ad oggi ospita solo il passaggio della linea M2, ma che ben presto vedrà l'arrivo della nuova metropolitana milanese M4. Il comune di Milano ha così approvato il nuovo disegno che vede notevoli cambiamenti rispetto all'attuale stazione, situata in una delle zone a maggior impatto storico e artistico della città: "La nuova soluzione progettuale riguarda sia l’accesso principale alla stazione della linea 4 che il collegamento fra la M2 e la M4", si legge nella presentazione che sottolinea come l'obiettivo principale sia modificare la scala fissa e l'unica scala mobile ad oggi posizionate sul marciapiede di via San Vittore che offre uno spazio molto limitato al passaggio.

Il progetto nel dettaglio: un'ampia scalinata e una copertura in vetro

Nel dettaglio il progetto prevede la realizzazione di due aperture sui muri nord e ovest al fine di creare l’uscita dal cunicolo di collegamento tra le linee M2 e M4; l’uscita all’esterno sarà poi protetta da una copertura con vetrata sorretta da un portale in metallo. Un effetto visivo già apprezzabile grazie ai rendering del progetto in cui si può ammirare quella che sarà l'ampia scalinata d'uscita della stazione che porta a livello stradale dalla quale è possibile ammirare la basilica di Sant’Ambrogio, simbolo stesso della città. Un concetto architettonico che riprende molto quello del Duomo: "sarà un’apparizione spettacolare", si legge nel progetto. L'ascensore sarà collocata invece lontano dalle Pusterle così da non intaccare il paesaggio architettonico.

Una soluzione che mette insieme bellezza e funzionalità

È stata così progettata una nuova uscita all’interno del fossato posto sul lato nord della Pusterla, che oltre a offrire maggiore spazio valorizzerà anche quell'area. Uno spazio finora poco utilizzato che trova così nuova linfa, trasformandosi in una vera e propria zona di passaggio in diretto collegamento con il sagrato della chiesa di Sant’Ambrogio, la piazza adiacente e l’Università Cattolica. "Mentre proseguono i lavori di costruzione della linea Blu – ha dichiarato Marco Granelli, assessore alla Mobilità del Comune di Milano – ci stiamo occupando di come sarà la città una volta funzionante la metropolitana, con soluzioni che mettano insieme funzionalità ma anche bellezza".