2 Novembre 2018
10:57

Milano, detenuto al carcere di Opera dà alle fiamme un materasso, intossicati tre agenti

Al carcere di Opera di Milano un principio di incendio è stato causato da un materasso dato alle fiamme da un detenuto. I densi fumi neri sprigionati dalle fiamme hanno intossicato tre agenti di polizia penitenziaria, due dei quali sono stati soccorsi in codice verde mentre un terzo è stato ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Niguarda.
A cura di Chiara Ammendola
Il carcere di Opera
Il carcere di Opera

Sono finiti in ospedale i tre agenti di polizia penitenziaria rimasti intossicati mercoledì pomeriggio dai fumi neri sprigionati dall'incendio divampato al carcere di Opera di Milano. Secondo quanto raccontato dalle stesse guardie carcerarie, intorno alle 14 sarebbe stato notato del fumo proveniente dal primo Reparto, sezione A del carcere, proveniente da un materasso in fiamme. A dare fuoco al materasso sarebbe stato un detenuto, un uomo di 40 anni di nazionalità marocchina, con un accendino. Il principio di incendio ha lasciato illeso il detenuto ma ha invece intossicato a causa dei densi e neri fumi i tre agenti intervenuti immediatamente per spegnere le fiamme. Due guardie di 26 e 29 sono giunte in codice verde all'ospedale San Paolo mentre il terzo agente ha riportato lesioni più gravi ed è stato ricoverato all'ospedale Niguarda di Milano in prognosi riservata.

Detenuto dà fuoco a un materasso, un'intera sezione evacuata: un poliziotto finisce in ospedale
Detenuto dà fuoco a un materasso, un'intera sezione evacuata: un poliziotto finisce in ospedale
Morto in carcere Cosimo Di Lauro, boss di Secondigliano figlio di Ciruzzo ‘o milionario aveva 49 anni
Morto in carcere Cosimo Di Lauro, boss di Secondigliano figlio di Ciruzzo ‘o milionario aveva 49 anni
2.639 di Videonews
Morti due detenuti in carcere a distanza di pochi giorni, l'ipotesi: abuso di psicofarmaci
Morti due detenuti in carcere a distanza di pochi giorni, l'ipotesi: abuso di psicofarmaci
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni