Piazza san Babila nel nuovo progetto
in foto: Piazza san Babila nel nuovo progetto

Una mega area pedonale a Milano che collega il Duomo all'università Statale e lo fa attraversando corso Vittorio Emanuele e piazza San Babila, oltre a largo Augusto e piazza Santo Stefano. È questo il progetto di riqualificazione che vede coinvolte le aree attualmente occupate dai cantieri della M4 che ha come obiettivo maggiore spazio per i pedoni e le biciclette, senza dimenticare una connessione con il trasporto pubblico e i taxi.

Con la linea Blu che collega i quartieri a Est della città oltre che Linate con i quartieri a ovest come quello di San Cristoforo piazza San Babila diventa uno dei nodi di interscambio del trasporto pubblico più importanti e per questo le risistemazioni tengono fortemente conto delle connessioni con la metropolitana, i mezzi di superficie e le fermate dei taxi. "La risistemazione dell'area, al termine della costruzione della nuova linea della metropolitana – spiega Marco Granelli assessore alla Mobilità di Milano – rappresenta una grande occasione per ridare coerenza a tutto l'ambito Duomo-San Babila-largo Augusto e valorizzarne la forte vocazione pedonale riprendendo anche il progetto del 1996 di Caccia Dominioni. Con la realizzazione di questo progetto miglioreremo la mobilità in città agevolando le connessioni fra linee di superficie e sotterranee oltre che con i taxi e daremo più vivibilità a una delle zone più centrali e conosciute di Milano".

Come cambia la viabilità

"L'ampliamento dell’area pedonale di piazza San Babila consente di collegare i due lati della piazza e di estendere l'area pedonale fino a largo Toscanini – si legge nella nota del comune di Milano – creando un percorso per pedoni lungo corso Europa che mediante la creazione di una Ztl sarà reso accessibile solo al trasporto pubblico, ai taxi e ai mezzi del carico/scarico negli orari consentiti, integrandolo con una nuova pista ciclabile". E ancora: "Corso Europa è pensato a senso unico di marcia nel tratto tra via Borgogna e il parcheggio di largo Corsia dei Servi e tra via Cavallotti e largo Bersaglieri. Di conseguenza, in via Borgogna si ipotizza la manovra torna indietro riservata ai soli taxi e ai veicoli privati". Infine "Per largo Augusto, la proposta è di chiudere al traffico i due corselli laterali, garantendo ai veicoli la continuità dell’itinerario via Cesare Battisti – via Cavallotti- corso Europa – via Larga, mantenendo anche la svolta a sinistra da largo Bersaglieri a via Verziere".