Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Raffaella Salemi, 45 anni, commessa milanese, ha sventato una rapina sul suo luogo di lavoro, il supermercato Picard di via Farini a Milano. C'è riuscita, ha raccontato al Corriere della Sera, semplicemente, si fa per dire, parlando con il malvivente. "Anche io ho bisogno di soldi, ma non mi metto a fare queste cose. Gli ho detto di andarsene, che non potevo aprire la cassa e che con le sue pretese avrebbe messo nei guai anche me e io ho bisogno di questo lavoro perché sono separata e ho due figli. Gli ho detto di non fare cavolate, gli ho ripetuto: che senso ha andare in giro a minacciare la gente?". Ed evidentemente queste parole hanno fatto breccia nelle intenzioni del malvivente, che immediatamente uscito dal supermercato e poi è scappato facendo perdere le sue tracce.

"Se non apri la cassa di aspetto fuori, ho una pistola"

Il fatto è avvenuto intorno alle 19, circa un'ora prima della chiusura del supermercato, quando Raffaella si trovava da sola all'interno del negozio. Un uomo con volto coperto è entrato all'interno, si è avvicinato alla cassa e le ha ordinato: "Ascolta, mi devi dare tutti i soldi della cassa. Se non apri la cassa ti aspetto fuori, ti metto le mani addosso, guarda che ho una pistola". La commessa, però, si è fatta coraggio e ha cominciato a parlare al rapinatore. Evidentemente è riuscito nel suo intento, perché quest'ultimo si è convinto e ha desistito. "In quel momento ha prevalso il mio senso del dovere. Ma nei giorni seguenti, ogni volta che entrava un cliente con la sciarpa, sussultavo", ha raccontato ancora la donna al Corriere.