Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Era diretto a lavoro, come ogni mattina a bordo della propria bicicletta, il ragazzo di 28 anni, travolto e ucciso da un pirata della strada. Il giovane di nazionalità romena è stato ritrovato in via Rombon a Milano dai carabinieri allertati dalla fidanzata della vittima preoccupata dal fatto che il ragazzo non fosse ancora arrivato a lavoro. Il 28enne si stava recando da Milano a Segrate per raggiungere il luogo di lavoro questa mattina all'alba, ma intorno alle 7 i militari ricevono la telefonata della ragazza allarmata per non aver ricevuto a sua volta la telefonata del proprio fidanzato. I carabinieri poco dopo ricevono anche la chiamata da parte di uno sconosciuto che riferisce di aver udito lungo quella stessa strada alcuni colpi d'arma da fuoco: giunti sul posto i militari capiscono che non c'è stata nessuna sparatoria ma piuttosto un incidente stradale. Perlustrando la zona infatti, dopo aver ritrovato la bicicletta, viene localizzato anche il corpo senza vita del ragazzo scaraventato forse a causa del violento urto in un cantiere lungo la strada.

I militari cercano un'Alfa Romeo grigia

Le forze dell'ordine si stanno ora mobilitando per trovare il pirata della strada che ha investito, uccidendolo, il ciclista, e che evidentemente non si è fermato per prestare soccorso. Secondo quanto ricostruito dalle prime indagini dei carabinieri di Segrate, coordinate dalla procura di Milano, l'auto ricercata sarebbe un'Alfa Romeo di colore grigio chiaro-argento, probabilmente il modello 159 o 156. Gli investigatori hanno ipotizzato che la macchina viaggiava a forte velocità, ecco perché il corpo è stato sbalzato lontano dal luogo dell'impatto di almeno una decina di metri.