Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Un furto, l'ennesimo, che questa volta ha fatto finire una borseggiatrice incinta direttamente in carcere. È accaduto domenica pomeriggio a Milano nella stazione metropolitana di Cadorna dove una giovane ragazza di Pavia, mentre percorreva il corridoio della stazione che collega la linea 1 alla linea 2 della metro è stata derubata del portafogli e del cellulare: una volta accortasi del furto si è subito diretta verso l'uscita notando un gruppo di ragazze intente a passarsi qualcosa prima di dileguarsi a bordo di un treno della metro. La giovane derubata ha così ha chiamato i carabinieri che, giunti nei pressi della stazione Garibaldi, hanno individuato le autrici del furto.

La borseggiatrice fermata è stata poi sottoposta a visita medica per accertare la gravidanza

Tra queste i militari hanno fermato anche una ragazza italiana originaria di Roma ma residente in Bosnia, già nota alle forze dell'ordine per numerosi furti commessi in precedenza. La giovane borseggiatrice ha spiegato di essere incinta ed è stata per questo accompagnata nella clinica Mangiagalli dai carabinieri: qui è stato effettivamente accertato il suo stato di gravidanza. Ciò nonostante la donna è stata condotta in carcere a San Vittore. Quella di donne incinte e autrici di furti è una situazione non nuova per le forze dell'ordine. La stazione di Cadorna è spesso teatro di furti ai danni dei pendolari a causa del continuo viavai di persone che la rende un luogo affollato e caotico, ideale scenario per i malintenzionati per mettere a segno furti e scippi.