Un'app milanese dedicata al carpooling, la condivisione di un'automobile da parte di un gruppo di persone che compiono lo stesso tragitto, per ridurre il numero di veicoli che entra in città nei giorni lavorativi e migliorare la qualità dell’aria. Il nuovo strumento per la mobilità sostenibile di Milano, presentato oggi a Palazzo Marino nasce dalla collaborazione tra amministrazione comunale e BePooler, la piattaforma per l’organizzazione di viaggi condivisi che ha vinto del bando pubblico sul servizio di carpooling.

App per il carpooling di Milano: come funziona

Come funzionerà la condivisione delle auto a Milano? Scaricando l’app BePooler e iscrivendosi al servizio, i pendolari che raggiungono Milano in macchina con a bordo almeno un passeggero potranno posteggiare gratuitamente nei 48 spazi riservati dal Comune di Milano all’interno dei parcheggi, gestiti da Atm, di Molino Dorino, Caterina da Forlì, Cascina Gobba,  Famagosta e  Rogoredo Santa Giulia. Le aree sono già attrezzate con l'apposita segnaletica. Le altre strutture interessate sono Quarto Oggiaro, Crescenzago e Maciachini. Tutti i posti riservati sono prenotabili, gratuitamente, tramite l’app BePooler.

Auto condivise: quanto risparmiano i pendolari

Secondo BePooler gli automobilisti avranno la possibilità di dimezzare i costi del viaggio condiviso: la piattaforma provvederà automaticamente al rimborso di almeno la metà delle spese sostenute dal conducente per il viaggio effettuato. Se poi i passeggeri fossero più di uno, i costi per ciascuno saranno ancora più convenienti. La società calcola che il proprietario dell'auto possa risparmiare fino a duemila euro l'anno e ogni passeggero spenda circa 30 centesimi al chilometro.

Granelli: Buona pratica per combattere traffico e smog

“Con questo progetto sperimentiamo un nuovo fronte della mobilità condivisa e sostenibile, sulla quale questa Amministrazione punta dall’inizio del suo mandato – ha detto l’assessore alla Mobilità Marco Granelli -. Ogni giorno a Milano entrano decine di migliaia di macchine che spesso trasportano solo il conducente. Il car pooling è una buona abitudine che grazie alla tecnologia può diventare una pratica diffusa, conveniente e capace di concorrere al miglioramento della qualità dell’aria e diminuire i problemi legati al congestionamento. Per questo siamo convinti che sia utile sostenerlo. Milano resta all’avanguardia nello sviluppo e nella promozione di una mobilità più sostenibile per tutti”.