I biglietti utilizzati dal rapinatore arrestato a Milano (foto carabinieri)
in foto: I biglietti utilizzati dal rapinatore arrestato a Milano (foto carabinieri)

"Sono armato", c'era scritto sui bigliettini coi quali si presentava nelle farmacie che poi rapinava. In silenzio portava via la refurtiva facendo perdere le sue tracce, fino a quando ieri martedì 25 febbraio poco dopo le 13.30 i carabinieri lo hanno arrestato a Milano. Sapevano sarebbe passato proprio di lì all'angolo tra via Boifava e via dei Missaglia, diretto alla sua abitazione poco distante, e così lo hanno fermato: lui, 24 anni e di nazionalità egiziana, aveva appena messo a segno una rapina in una farmacia di viale Romolo facendosi consegnare 300 euro in contanti dalle due dipendenti dell'attività che subito dopo la sua fuga avevano lanciato l'allarme.

Il rapinatore potrebbe aver messo a segno altri colpi

I militari della compagnia di Magenta lo hanno atteso a un paio di chilometri di distanza dal luogo della rapina grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza: in tasca aveva i 300 euro della rapina e quattro foglietti di carta con su scritto "Sono armato". Biglietti utilizzati secondo quanto ricostruito dai carabinieri per rapinare anche altre farmacie, come quelle tra via Saponaro, via Chiesa Rossa e viale Tibaldi colpite nelle scorse settimane. Anche in quei casi, stando a quanto ricostruito, il malvivente aveva un passamontagna sul volto e aveva consegnato un bigliettino alle vittime: l'uomo è stato portato nel carcere di San Vittore e ora dovrà rispondere dell'accusa di