Un fotogramma della rissa ripresa dalle telecamere
in foto: Un fotogramma della rissa ripresa dalle telecamere

Sono quattro le persone arrestate nel corso di un'operazione della squadra Mobile di Milano: si tratta di un 25enne dell'Honduras e tre salvadoregni di 20, 26 e 38 anni accusati di aver preso parte alla rissa avvenuta lo scorso giugno nella zona Porto di Mare. Nel corso della violenta rissa, un quinto ragazzo all'epoca 17enne è stato colpito per ben quattro volte con un coltello: le ferite riportate tra cui la perforazione di un polmone lo hanno messo in pericolo di vita per giorni. Secondo le indagini della polizia la rissa sarebbe scoppiata al termine di una serata in discoteca tra quelle che vengono considerate due gang rivali di latinos, tra cui la famigerata MS13. La lite sarebbe nata a causa del corteggiamento da parte del ragazzo poi aggredito nei confronti di una giovane vicina a uno della gang rivale, la MS13 appunto. Le telecamere di sorveglianza del comune hanno ripreso l'intera scena e hanno così permesso alle forze dell'ordine di ricostruire i fatti: dopo essere usciti dalla discoteca "El Besito", lo scorso 3 giugno, il ragazzo viene prima spinto a terra e poi preso a calci e pugni, prima di essere accoltellato almeno quattro volte. Ad impugnare l'arma il 26enne dei quattro, che è anche l'unico con un precedente per ricettazione: dovrà per questo rispondere di tentato omicidio. Gli altri sono accusati di rissa aggravata dall'uso di armi. Ed è proprio il 26enne, ritrovato e arrestato a casa di un'amica a Varese, ad aver ben impresso e tatuato sulle clavicole il numero 13 della MS13.