Mara Facchetti
in foto: Mara Facchetti

Lei Mara Facchetti, 46 anni, mamma di una bimba di cinque anni, lui Moustafa El Chani, 32 anni, irregolare in Italia. Prima ha ammazzato l'ex compagna a bastonate, l'ha abbandonata nei campi e poi si è impiccato su un'altalena in un parchetto di Azzano Mella, nella Bassa Bresciana. Ma quella di ieri non è stata l'unica tragedia che ha colpito la famiglia Facchetti: 26 anni fa il papà Giuseppe, fu ucciso dalla banda delle coppiette, con i malviventi che gli spararono con il fucile mentre era in auto con la cognata.

Mara e Moustafa erano conosciuti dalle forze dell'ordine per problemi di droga. Avevano una relazione, ma lei, probabilmente, aveva deciso di lasciarlo e questo sarebbe il movente del femminicidio. L'uomo avrebbe tentato di togliersi la vita vicino al cadavere della compagna, ma senza riuscirci. Sarebbe andato in un parco pubblico del paese e lì è impiccato. I due cadaveri sono a disposizione della pm Carlotta Bernardini, che ha disposto l'autopsia sulle salme soprattutto per capire se i due abbiano assunto droga nel corso della serata.

Il papà di Mara è stato ucciso 26 anni fa

Nella notte tra il 17 e il 18 dicembre 1993 Giuseppe Facchetti era all'interno della sua automobile in compagnia della cognata nelle campagne di Cignano, frazione di Offlaga. Tre ragazzi, tre giovani rapinatori, A. C., H. P. e G. V. spararono un colpo di fucile contro il finestrino dell'automobile mentre Facchetti cercava di scappare. L'uomo fu colpito al volto e poi rinchiuso nel bagagliaio dell'automobile insieme alla donna. I rapinatori fuggirono con un Rolex rubato alla loro vittima. Facchetti morì, mentre l'amante riuscì a liberarsi e a scappare.