Centinaia di persone si sono radunate questa mattina in piazza Duomo a Milano per la manifestazione dei "gilet arancioni", un movimento di protesta che tra le altre cose chiede il ritorno alla "lira italica"e un governo "votato dal popolo". Le immagini diffuse sui social network dai partecipanti e riprese dalle webcam mostrano come davanti alla cattedrale si sia formato un assembramento di persone senza nessun rispetto del distanziamento previsto dalle norme anti coronavirus. Molti dei manifestanti non indossano la mascherina, o la tengono abbassata, mentre urlano e scandiscono cori.

Immagine webcam di piazza Duomo durante la manifestazione
in foto: Immagine webcam di piazza Duomo durante la manifestazione

Milano, manifestazione dei gilet arancioni

Il movimento dei "gilet arancioni", che vorrebbe riprendere la stagione dei "gilet gialli", è nato su iniziativa dell'ex generale dei carabinieri Antonio Pappalardo. Le iniziative in piazza sono state organizzate in tutta Italia. A Trento si svolge una assemblea per chiedere "la fine del Governo Conte, l'elezione di un nuovo Parlamento e di un nuovo capo dello Stato, e per porre fine alla dittatura sanitaria in atto". Inoltre c'è la richiesta di  "promuovere l'introduzione di una moneta, chiamata nuova lira italica, poter sostenere le famiglie e le imprese italiane", ha detto il coordinatore regionale Renato Calcari.

Polemiche per l'assembramento:  "Tanto per far ripartire la curva"

Le immagini della folla concentrata in piazza a Milano ha scatenato commenti critici sui social. "Visto che a Milano con i contagi stanno già messi bene, facciamo una bella manifestazione tanto per far ripartire la curva", scrive un utente su Twitter.