Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Si è tuffato nelle acque del lago di Garda e si è allontanato dalla riva per fare una nuotata. A riva, però, non è più tornato: sono ore d'ansia a Manerba del Garda, sulla sponda bresciana del lago, per le sorti un uomo di 45 anni, di nazionalità tedesca. Il bagnante, un turista, ieri pomeriggio si stava godendo la giornata sulla spiaggia "La Romantica", uno dei lidi di Manerba, in compagnia di moglie e figlie. Attorno alle 17, stando a quanto ricostruito al momento, l'uomo ha deciso di farsi un bagno: si è immerso in acqua allontanandosi dalla riva. Circa due ore dopo però l'uomo non era ancora tornato: pochi minuti prima delle 19 è così scattato l'allarme all'Azienda regionale emergenza urgenza, che ha allertato i carabinieri, la Guardia costiera e i vigili del fuoco.

L'ultima tragedia nel lago di Garda con la morte del sub polacco Marczewski

Ieri le ricerche, condotte con l'ausilio dei sommozzatori, non hanno dato alcun esito. Sono riprese questa mattina, quando però le speranze di poter recuperare in vita il 45enne sono ormai molto poche: l'unica possibilità è che l'uomo possa aver raggiunto a nuoto un'altra località costiera, magari spaesato per lo spavento e la fatica. L'ultima tragedia nelle acque del Benaco risale al 6 luglio, quando il sub polacco Sebastian Marczewski è morto annegato mentre si stava allenando per superare il record di immersione oltrepassando la profondità di 333 metri.