Violento nubifragio su Milano nella notte: la città meneghina è stata raggiunta da un'autentica "bomba d'acqua", risultando così già dal primo mattino praticamente allagata, con il fiume Seveso vicinissimo all'esondazione e con diverse zone della città già a rischio. Vigili del fuoco e polizia locale al lavoro per le continue chiamate che segnalano sottopassi e scantinati allagati, mentre in diversi punti del capoluogo lombardo si sono accumulati diversi centimetri di acqua lungo le strade, rendendo quasi impossibile la circolazione veicolare oltre che quella pedonale. Situazione che potrebbe peggiorare nelle prossime ore, con il meteo che non sembra promettere nulla di buono.

Con il fiume Seveso che ha già raggiunto la "soglia di attesa 2" e che è dunque vicinissimo all'esondazione, ad essere a rischio è anche il fiume Lambro, sotto osservazione costante visto che la pioggia non accenna a diminuire. Altre zone a rischio sono la 2 e la 9 del capoluogo meneghino, ovvero il quartiere di Isola, viale Zara e piazzale Istria. I primi allagamenti sono già stati registrati in più punti della città. Traffico rapidamente in tilt un po' ovunque. Problemi nella mattinata anche per quanto riguarda la metropolitana, sebbene in questo caso la pioggia non c'entri: un treno, infatti, ha avuto problemi sulla linea Verde all'altezza della stazione di Gioia, causando così il blocco della circolazione tra Caiazzo e Cadorna. Tuttavia dopo poco più di mezz'ora, la circolazione ha ripreso senza problemi. Resta monitorato invece, per il maltempo, il tratto del fiume Lambro che attraversa il quartiere di Isola: al momento, tuttavia, la situazione sembra essere sotto controllo, differentemente da quella del Seveso che invece è vicinissimo alla soglia di esondazione.