È morto durante il tragitto dal Golf Club di Bogogno all'ospedale di Borgomanero, il 25enne Giacomo Ponzone. A ucciderlo un improvviso malore che lo ha colpito durante una festa nel Club in provincia di Novara nella tarda serata di sabato. Milanese, di professione analista finanziario, Giacomo aveva preso parte nel pomeriggio di sabato al "Trofeo Bella" di golf, sport che gli piaceva e lo appassionava da tempo, e la sera aveva deciso di prendere parte a quella festa prima della nuova gara in programma l'indomani. Ma a quella gara Giacomo non ha mai partecipato perché intorno alle due di notte si accascia improvvisamente al suolo: gli amici lì con lui cercano di soccorrerlo mentre sul posto si precipitano i medici che per diversi minuti hanno tentato di rianimarlo, inutilmente. Poi caricato a bordo di un'ambulanza è stato trasportato all'ospedale di Borgomanero dove però è giunto già privo di vita. Il padre che ha assistito alla scena lo segue in nosocomio.

Morte Giacomo Ponzoni: autopsia chiarirà motivi del decesso

Ora sarà l'autopsia a chiarire cosa abbia ucciso Giacomo: una prima ipotesi tende verso la disfunzione cardiaca. Un diploma classico al liceo "Tito Livio", una laurea in Economia aziendale all’università Cattolica di Milano, un master a Londra e poi diversi stage prima di approdare da Jakala come analista finanziario. Ma oltre ad una carriera lavorativa già avviata, Giacomo coltivava diverse passioni tra le quali il calcio e appunto il gold, e poi i viaggi. La mamma invece era a Minorca, alle Baleari, e tocca avvisarla al professor Antonio Bartorelli, noto cardiologo milanese, che ha casa a Bogogno e a cui ogni volta che qualcuno sta male al golf durante il weekend suona il telefono.