Matteo Mutti
in foto: Matteo Mutti

È morto a soli 29 anni Matteo Mutti, campione del mondo di poker. La vita del giovane e talentuoso giocatore di poker è stata stroncata da una malattia incurabile e dalle complicazioni polmonari causate dal Covid che aveva contratto diverse settimane fa e dal quale era risultato negativo all'ultimo tampone. Originario di Tirano, in provincia di Sondrio, avrebbe compiuto 30 anni tra poco più di un mese.

La passione per il poker nata per caso

Due volte vincitore del Ring Wsop Circuit e di un titolo Ipt, Matteo era stimato da tutti oltre che per il suo talento anche per le sue doti umane: amici, colleghi e conoscenti lo descrivono come una persona pacata e sempre sorridente, dal cuore gentile. Il suo amore per il poker nasce nel 2011 per pura curiosità e così ha iniziato a leggere i primi libri dedicati e ad approfondire la disciplina che è diventata il suo main game: il No Limit Hold'em. I primi risultati di livello nei tornei dal vivo arrivano nel 2013 mentre nel settembre dello 2015 arriva un altro trionfo che lo fa conoscere definitivamente al mondo del poker.

Ti ricorderemo così, vincente e sorridente

Tanti i messaggi di cordoglio che da questa mattina si susseguono sui social, da parte di appassionati e non solo del mondo del poker: "I post che non vorremmo mai fare, soprattutto quando si parla di un ragazzo di trent'anni – si legge in un post su Facebook – ti vogliamo ricordare così, vincente e sorridente come eri sempre ai tavoli da gioco". "Vicini al dolore di tutta la community del poker italiano per la perdita del giovanissimo Matteo Mutti – scrive una pagina dedicata al poker sul socia – un grande abbraccio alla famiglia e a tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo". I funerali di Matteo Mutti si svolgeranno mercoledì 1 luglio 2020 presso la Chiesa Parrocchiale di San Martino a Tirano, allo ore 14,30.