Coronavirus
8 Maggio 2020
9:31

Lombardia, riaprono i centri per gli sport individuali: quali attività sono consentite da oggi

Da oggi in Lombardia si torna a praticare attività individuale all’aperto anche nei centri sportivi. Gli impianti saranno accessibili con alcune limitazioni, tra cui il divieto di usare gli spogliatoi e la chiusura di bar, ristoranti e strutture annesse. Tra gli sport ammessi ci sono golf, tiro con l’arco, tiro a segno, atletica, equitazione, vela, canoa, attività sportive acquatiche individuali, canottaggio, tennis, corsa e altri ancora. La riapertura non riguarda le palestre e gli sport di squadra.
A cura di Simone Gorla
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Nuovo passo verso il ritorno alla normalità in Lombardia. Il presidente della Regione, Attilio Fontana, ha firmato un'ordinanza per il settore sportivo che consente di praticare attività individuali su tutto il territorio dall'8 al 17 maggio all'aria aperta. Il provvedimento prevede anche la riapertura degli impianti dove questi sport vengono praticati, con una serie di vincoli e norme da rispettare.

Quali sport si possono praticare in Lombardia da venerdì 8 maggio

Con la riapertura degli impianti stabilita da Regione Lombardia da venerdì 8 maggio è di nuovo possibile praticare molti sport individuati tra cui golf, tiro con l'arco, tiro a segno, atletica, equitazione, vela, canoa, ma anche attività sportive acquatiche individuali, canottaggio, tennis, corsa. Via libera della giunta regionale anche a escursionismo, arrampicata sportiva, ciclismo, mountain-bike, automobilismo, motociclismo e go-kart.

Vietato l'uso degli spogliatoi, chiusi bar e ristoranti nelle strutture

Gli impianti saranno aperti con alcune limitazioni. "Rendiamo utilizzabili solo gli spazi all'aperto e vietiamo l'utilizzo di spogliatoi", ha spiegato a Fanpage.it l'assessore regionale allo Sport, Martina Cambiaghi. "Non saranno accessibili nemmeno gli eventuali bar e ristoranti presenti all'interno delle strutture, mentre sarà necessario garantire una sanificazione delle aree e la gestione del flusso dell'utenza. Solo così potrà essere rispettata la distanza di sicurezza tra le persone e si eviteranno assembramenti".

Restano chiuse le palestre

La riapertura non riguarda le palestre e le altre strutture al chiuso e nemmeno gli sport di squadra. I gestori delle strutture, oltre a garantire la corretta e costante sanificazione e igienizzazione degli ambienti e dei servizi igienici, dovranno anche assicurare il contingentamento degli ingressi, l'organizzazione di percorsi idonei e l'adozione di tutte le misure utili per assicurare il distanziamento sociale e il divieto di assembramento.

27074 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni