(Archivio LaPresse)Proseguono in Lombardia i test sierologici per tutti coloro che si trovano in quarantena fiduciaria e per gli operatori sanitari impegnati nelle varie Asst. Il numero dei risultati, ora, è tale per cui l'assessore al Welfare Giulio Gallera può tracciare una prima linea e trarre alcune considerazioni. "Sono quasi 80.000 i test sierologici regionali effettuati o prenotati in Regione. Fra questi, 66.187 sono già stati processati", ha detto Gallera aggiungendo che "gli esiti dei prelievi ematici  delineano una situazione ben definita".

Gallera: Media regionale delle positività si attesta sul 42,1%

Tale situazione certifica che "la media regionale delle positività si attesta al 42,1 per cento su 19.405 test processati, con punte del 60 per cento nella zona di Seriate, del 55 per cento nel Bresciano e del 47 per cento nell'area afferente all'Asst di Crema", ha detto Gallera. Diversa la situazione fra gli operatori sanitari, dove i casi di positività ai sierologici "si attesta sul valore medio del 13,6 per cento su base regionale, con oscillazioni strettamente correlate alla diffusione geografica della pandemia". L'assessore al Welfare ha commentato tali dati come il frutto "della bontà e dell'efficacia delle misure" messe in campo dalla Regione. A tutti coloro i cui i test anticorpali hanno dato esito positivo, è stato effettuato il tampone per verificare lo stato di infezione, se ancora in corso o meno. Per il prosieguo dei prelievi, Gallera assicura che "proseguono in modo incessante. Abbiamo già consegnato 200 mila kit alle aziende sanitarie e ai laboratori di riferimento", ha detto l'assessore che ha svelato: "Dopo medici e infermieri, nei prossimi giorni inizieremo ad eseguire i test agli esponenti delle forze dell'ordine". In totale, sono stati consegnati 200.000 kit, sono stati eseguiti o prenotati 79.666 test, dei quali 66.187 sono già stati processati.