Insieme agli altri parchi divertimento, anche Leolandia (ex Mini-Italia), uno dei più importanti in Italia, riaprirà i suoi battenti dopo l'emergenza Coronavirus. La data è fissata per sabato 20 giugno. Il parco divertimenti di Capriate, in provincia di Bergamo, per bambini ha sviluppato un protocollo con l'Appi (Associazione Parchi Permanenti Italiani) e Iaapa (l'organizzazione che rappresenta il settore a livello globale) per garantire un livello di sicurezza adeguato attraverso il distanziamento sociale e il divieto di assembramento all'interno del perimetro e appena fuori, tra parcheggi e biglietterie.

I nuovi metodi di accesso al parco divertimenti

L'ingresso, infatti, come per ogni attività pubblica, sarà contingentato. Le prenotazioni dovranno avvenire online sul sito del parco divertimenti, dove verranno segnalati i giorni e gli orari con minore affluenza. In questo modo i nuclei famigliari potranno organizzarsi al meglio senza correre grandi rischi. Fuori dalla struttura, comunque, sarà presente un team di steward che illustrerà ai clienti le nuove regole e sarà a disposizione per qualsiasi necessità. Anche all'interno del parco una squadra di operatori seguirà i visitatori mostrando come accedere a negozi e ristoranti, per i quali sono stati già allestiti ampi spazi all'esterno. La riapertura del parco, per Leolandia, significherà anche inaugurare una nuova area tematica dedicata a Pj Masks City, una serie televisiva molto nota conosciuta in Italia come "Superpigiamini". A commentare la riapertura di Leolandia, è il suo presidente Giuseppe Ira: "È un importante passo verso il ritorno alla normalità: giovani e bambini sono stati tra le fasce più penalizzate e oggi hanno il diritto di divertirsi in totale sicurezza".