La procura di Lodi ha aperto un'inchiesta in merito al neonato morto la scorsa settimana all'ospedale Maggiore: il piccolo è morto nella notte tra sabato e domenica dopo la che la madre si era recata una settimana prima e dove era stata ricoverata. Sette giorni trascorsi nel nosocomio prima del trasferimento in sala parto dove la donna ha dato alla luce il figlio che purtroppo non è sopravvissuto. Ora, come spiegato dal procuratore Domenico Chiaro, sarà necessario capire innanzitutto se il bambino sia nato già morto oppure se ha perso la vita appena nato, per questo sarà necessario effettuare l'autopsia sul corpo del piccolo e attenderne i risultati. Nell'inchiesta aperta in Procura in seguito alla segnalazione da parte di familiari si ipotizza l'omicidio colposo, per ora a carico di ignoti.

Neonato morto a Lodi, il Procuratore: Capire se sia morto prima o dopo la nascita

"Da risultanze testimoniali – spiega il procuratore Chiaro – il bimbo sarebbe morto durante il travaglio", ma saranno solo i primi risultati dell'autopsia e poter chiarire quanto accaduto. Intanto la direzione dell'Asst di Lodi ha espresso le proprie condoglianze alla famiglia e alla donna: "Da parte nostra il più profondo cordoglio alla signora e alla sua famiglia, per il tragico evento occorso nella notte tra sabato 27 e domenica 28 luglio – si legge nella nota dell'Asst – nonostante il costante impegno e gli sforzi di tutti gli operatori per mantenere alti i livelli di assistenza nel punto nascita, vi sono eventi imprevedibili che mettono in evidenza la fragilità umana prima ancora di quella dell'organizzazione".