(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

La procura della Figc (Federazione italiana giuoco calcio) indaga su un episodio avvenuto domenica a Lodi, al termine di un torneo calcistico riservato a squadre under 15. Una donna arbitro ha infatti denunciato che qualcuno avrebbe tentato di riprenderla di nascosto con un telefonino mentre era intenta a cambiarsi e farsi la doccia nello spogliatoio a lei assegnato. L'episodio è avvenuto nel centro sportivo della società calcistica Fanfulla. Dalla segreteria confermano che l'arbitro si è rivolto a un dirigente segnalando l'accaduto, ma precisano anche i contorni entro cui è avvenuto l'episodio. Sui campi della società calcistica lodigiana era infatti in corso il "Trofeo città di Lodi" che vedeva protagoniste sei squadre under 15 e altrettanti arbitri, impegnati in due triangolari. Il torneo aveva richiamato nel centro sportivo del Fanfulla anche molti spettatori.

Per filmare l'arbitro è stata utilizzata una scala

Non è dunque chiaro chi abbia cercato di riprendere col telefonino l'arbitro donna e se possa essere riconducibile a una delle società sportive impegnate: stando a quanto ricostruito gli ignoti autori del brutto gesto avrebbero addirittura utilizzato una scala a pioli per cercare di filmare il giudice di gara. Un atto definito "inqualificabile" dal giudice sportivo, che secondo quanto ha scritto l'agenzia di stampa Ansa ha trasmesso gli atti alla procura della Figc affinché indaghi sull'accaduto. Se i responsabili dovessero essere atleti o tesserati di società sportive scatteranno inevitabilmente sanzioni disciplinari.