in evidenza 21 febbraio 23:47 Primo morto in Italia, è un 77enne ricoverato a Padova

Adriano Trevisan, 77 anni, è la prima vittima italiana del Coronavirus. Era una delle due persone colpite dal virus e ricovate nelle scorse ore a Padova. L'uomo era il padre dell'ex sindaco di Vo'. La notizia del decesso è stata confermata dal presidente della regione Veneto, Luca Zaia.

21 febbraio 22:57 Due treni fermi a Milano e Lecce: “A bordo passeggeri con sintomi sospetti”

Due treni sono rimasti bloccati nelle stazioni di Milano e Lecce per la presenza a bordo di passeggeri con sintomi sospetti di Coronavirus. I convogli fermati sono un Italo da Milano per Torino e un Freccia in partenza dalla stazione del capoluogo salentino. In entrambi i casi il personale del 118 è intervenuto per prelevare le due persone con sintomi influenzali. Sul treno arrivato da Roma a Lecce intorno alle 21 sono saliti gli operatori e gli agenti protetti da mascherine alla ricerca del possibile infetto.  Episodio simile si è verificato poco prima sul treno 9948 partito da Roma alle 16:40 e diretto a Milano. Un passeggero sulla carrozza 11 ha corso gara con il paziente zero, in Lombardia. Il treno è fermo fuori la stazione di San Ruffillo Bologna.

21 febbraio 22:03 Sale a 15 il numero dei contagiati in Lombardia

Sale a 15 il numero dei casi accertati di Coronavirus in Lombardia. Il quindicesimo contagiato sarebbe una persona della zona di Codogno, della quale sono ancora da ricostruire gli eventuali collegamenti con gli altri contagiati. Non è il medico di base che aveva visitato il 38enne finito in terapia intensiva, di cui si attende ancora l'esito dei tamponi.

21 febbraio 21:35 L’ospedale militare di Baggio ospiterà le persone in quarantena

Sarà il centro ospedaliero militare di Baggio a Milano la struttura per la quarantena dei pazienti affetti da coronavirus. L'altra struttura, a Piacenza, sarebbero gli alloggi dell'aeronautica militare di San Polo collegati all'aeroporto San Damiano. La protezione civile ha individuato le due caserme che potranno ospitare 150-180 persone “per forme di vigilanza e isolamento di persone che hanno avuto contatti con persone positive” al Coronavirus, ha spiegato il capo dipartimento e commissario per l'emergenza, Angelo Borrelli.

21 febbraio 21:17 Trenord: “Da domani i treni non fermeranno a Codogno, Maleo e Casalpusterlengo”

foto di repertorio
in foto: foto di repertorio

Trenord ha reso noto che, a causa delle disposizioni per arginare il focolaio di Coronavirus, dalla giornata di domani, sabato 22 febbraio, "i treni della linea Milano-Piacenza non effettuano fermata a Codogno e Casalpusterlengo; i treni della Mantova-Cremona-Milano non fermeranno a Codogno. Il servizio è sospeso totalmente sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno". L'interdizione delle fermate nei mezzi pubblici è tra le misure previste dall’ordinanza emessa da Regione Lombardia e dal ministero della Salute dopo i 14 casi di contagio confermati nel Lodigiano. "A seguito dell’ordinanza inoltre – spiega l'azienda – sarà sospesa l’attività di biglietteria presso le stazioni di Codogno e Casalpusterlengo". Il provvedimento sarà in vigore "fino a nuova comunicazione da parte dell'autorità".

21 febbraio 18:41 Regione Lombardia, Borrelli: “Individuate due strutture per quarantena a Milano e Piacenza”

Il capo della protezione civile Angelo Borrelli ha parlato nel corso della conferenza stampa del pomeriggio a Palazzo Lombardia, per fare il punto sui nuovi casi di Coronavirus. "Sono state individuate due strutture per quarantena a Milano e Piacenza, che potranno ospitare tra le 150 e le 180 persone – ha dichiarato Borrelli – Abbiamo anche fatto un censimento per altre strutture, anche alberghiere".

21 febbraio 18:23 Coronavirus: “Quattro dei sei contagiati sono di Castiglione d’Adda”

Nel corso della conferenza stampa a Palazzo Lombardia è stato confermato che quattro dei contagiati sono di Castiglione d'Adda. A riferirlo è il sindaco Costantino Pesatori. Uno è l'amico della coppia positiva al virus, gli altri tre sono invece i clienti di un bar, che non hanno mai avuto contatti con il caso "indice".

21 febbraio 18:15 Coronavirus, Regione Lombardia: altri 8 casi di contagio, in tutto sono 14

Nel corso della conferenza stampa delle 17.30 l'assessore alla Salute Giulio Gallera ha dichiarato che si sono riscontrati altri 8 casi positivi al Coronavirus, di cui 5 operatori sanitari dell'ospedale di Codogno e 3 pazienti. Salgono a 14 i casi di contagio.

21 febbraio 17:46 Coronavirus, nuovi dettagli sui contagiati: tre clienti e il figlio del titolare del bar

Da quanto risulta gli altri quattro episodi di contagio, oltre a quello del 38enne e di sua moglie, riguarderebbero tre clienti e il figlio del titolare di un bar di Castiglione d'Adda. Secondo quanto riportato dall'Ansa il figlio del titolare aveva giocato a calcetto con il 38enne, mentre gli altri tre clienti non dovrebbero mai essere entrati in contatto con lui.

21 febbraio 17:37 Coronavirus: 9 comuni prendono provvedimenti per evitare il contagio

Dopo Codogno, Castiglione e Casalpusterlengo, si aggiungono altre amministrazioni comunali che stanno prendendo provvedimenti per evitare il contagio da Coronavirus. In tutto sono 9 al momento i comuni della provincia di Lodi ad avere emesso ordinanze che limitano manifestazione e accesso ai luoghi aggregativi.

21 febbraio 17:18 Il 38enne positivo al Coronavirus aveva partecipato a due corse podistiche

Nel lodigiano è alta l'allerta sanitaria rispetto ai nuovi casi di Coronavirus accertati nelle ultime ore. Il 38enne che è risultato positivo al virus, nel corso delle ultime settimane aveva partecipato a due gare podistiche. Potenzialmente quindi potrebbe essere entrato in contatto con un numero elevato di persone. Il 2 febbraio ha gareggiato in una mezza maratona a S.Margherita Ligure, mentre il 9 febbraio aveva corso insieme alla sua squadra in un'altra manifestazione a Sant'Angelo Lodigiano. Da quanto risulta i suoi compagni stanno bene e aspettano che anche su di loro vengano eseguiti i test necessari per capire se si sia verificato un eventuale contagio.

21 febbraio 16:54 Il cardinal Bagnasco: “La paura fino al panico non è mai una buona consigliera”

Rispetto ai nuovi casi di contagio da Coronavirus riscontrati nel lodigiano ha espresso il suo parere anche il cardinale Angelo Bagnasco, presidente del Consiglio delle conferenze dei vescovi d'Europa. "Non dobbiamo mai mancare di fiducia nelle possibilità oneste degli uomini, della scienza, della ricerca, dei responsabili dei diversi Paesi a livello anche di continente – ha dichiarato Bagnasco – La paura fino al panico non è mai una buona consigliera e una compagna legittima. Non aiuta a risolvere e ad affrontare nessun problema".

21 febbraio 16:46 Test Coronavirus anche per il medico di base che ha visitato il 38enne

Da quanto risulta sono in corso le analisi su un medico di base che nella giornata di lunedì 17 febbraio ha visitato il 38enne di Codogno positivo al Coronavirus. Secondo quanto emerge il medico si trova al momento ricoverato all'ospedale Sacco di Milano con un quadro di polmonite.

21 febbraio 16:33 I genitori del 38enne affetto da Coronavirus: “Nostro figlio è gravissimo, al momento dorme intubato”

Fanpage.it ha raggiunto i genitori del 38enne di Codogno risultato positivo al Coronavirus. "Nostro figlio è gravissimo, al momento dorme intubato – hanno detto i genitori – È una cosa penosa, era meglio non vederlo”. Hanno inoltre aggiunto: "Noi stiamo bene, anche se dire che stiamo bene adesso è un’eresia. Ci hanno detto di non uscire e di non fare entrare nessuno. Devono ancora venire a farci i tamponi".

21 febbraio 16:24 Unilever arresta la produzione

L'azienda, la Uniliver di Casalpusterlengo, in cui lavora il 38enne di Codogno risultato positivo al Coronavirus ha deciso di bloccare la produzione, che resterà ferma fino a nuovo ordine. È stato eseguito un tampone sui lavoratori che normalmente si trovano più vicini al 38enne. Tutti gli altri sono stati lasciati a casa.

21 febbraio 16:00 Arrivati in Regione il ministro Speranza e il capo della protezione civile Borrelli

A Palazzo Lombardia sono arrivati da pochi minuti il ministro della Salute Roberto Speranza e il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, che è anche commissario per l'emergenza Coronavirus. La conferenza stampa è prevista per le ore 17.30.

21 febbraio 15:46 Fontana: ” Sono tutti adulti e sono in condizioni serie le sei persone positive al Coronavirus”.

Il presidente della Lombardia, Attilio Fontana
in foto: Il presidente della Lombardia, Attilio Fontana

Il governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana, interrogato da Skytg24 sui casi di Coronavirus riscontrati nel lodigiano, ha dichiarato: "Sono tutti adulti e sono in condizioni serie le sei persone positive al Coronavirus. Il primo paziente è ricoverato al Sacco, gli altri sono tutti a Codogno. Si tratta di una diagnosi impegnativa ma non così drammatica".

21 febbraio 15:25 Annullato il carnevale a Castiglione d’Adda

Il comune di Castiglione d'Adda ha comunicato che a causa dell'emergenza Coronavirus sono state cancellate il carnevale e altre attività ricreative. A riferirlo è il vicesindaco di Castiglione d'Adda Stefano Priori che non ha escluso la possibilità della chiusura delle scuole attraverso un'ordinanza che potrebbe essere emanata nelle prossime ore.

21 febbraio 15:08 Comune di Codogno: fino a domenica chiusi bar, scuole, locali pubblici e uffici comunali

Dopo i casi di Coronavirus in provincia di Lodi arrivano le prime misure precauzionali anche da parte delle amministrazioni locali. A Codogno, epicentro del focolaio, il comune ha pubblicato le ordinanze di chiusura delle scuole, pubblici esercizi, luoghi di assembramento e uffici comunali.

21 febbraio 14:54 In isolamento l’uomo con cui è uscito a cena il 38enne positivo al Coronavirus

L'uomo che dopo essere rientrato dalla Cina ha cenato assieme al 38enne di Codogno trovato positivo al Coronavirus è stato posto in stato di isolamento all'ospedale Sacco di Milano. L'uomo lavora per un'azienda di Fiorenzuola, nel piacentino, e nel frattempo la Ausl di Piacenza ha avviato verifiche su tutto il territorio emiliano per scongiurare un'eventuale diffusione.

21 febbraio 14:15 Gallera: “Il 38enne contagiato dal Coronavirus è in leggero miglioramento”

Nuovi aggiornamenti rispetto alle condizioni di salute del 38enne di Codogno contagiato dal Coronavirus. L'assessore alla salute di Regione Lombardia Giulia Gallera in conferenza stampa ha dichiarato: "L'uomo di 38 anni contagiato da Coronavirus che è stato ricoverato per primo nell'ospedale di Codogno è in terapia intensiva, sta meglio di ieri sera e sta leggermente migliorando".

21 febbraio 14:10 In autoisolamento l’infermiere che ha accolto il paziente zero a Codogno

Da quanto risulta l'infermiere che ha accolto il paziente zero al pronto soccorso di Codogno, in provincia di Lodi, ha scelto di osservare un regime di autoisolamento per evitare una possibile diffusione del Coronavirus. La notizia è stata comunicata tramite una nota diffusa dalla regione Emilia Romagna, in cui si spiega che l'infermiere, seppur asintomatico, si è sottoposto all'esame del tampone. Si attendono gli esiti delle analisi.

21 febbraio 13:44 L’assessore alla salute Gallera: “Non sappiamo ancora chi sia il paziente zero”

(Lapresse)
in foto: (Lapresse)

Durante la conferenza stampa in Regione Lombardia l'assessore alla Salute Giulio Gallera ha dichiarato: "Ancora non sappiamo da chi si è diffuso il virus". I sospetti sono da subito ricaduti sull'amico, da poco rientrato da un viaggio in Cina, con cui il 38enne affetto da Coronavirus era uscito a cena, ma in seguito ai test l'uomo è risultato negativo al virus. Per questo non si hanno ancora certezze rispetto al possibile paziente zero da cui è partito il contagio in Lombardia. " Potrebbe non essere partito da lui ma potrebbe anche essere che è guarito- ha aggiunto Gallera – Non abbiamo la certezza di quale sia il caso indice".

21 febbraio 13:14 Coronavirus in Lombardia: 250 persone in isolamento

L'epidemia del Coronavirus sta mettendo in allarme l'intera Lombardia. Nel corso della conferenza stampa presso il palazzo della Regione è stato comunicato che 250 persone sono al momento in isolamento, dopo che sono stati verificati nuovi casi di contagio in provincia di Lodi.

21 febbraio 12:58 Coronavirus, i contagiati passano da tre a sei: “Gli altri tre casi si sono presentati con polmonite al Codogno”

Passa da tre a sei il numero dei contagiati dal Coronavirus in Lombardia. È quanto emerge dalla conferenza stampa in Regione, in cui ha parlato l'assessore alla salute Gallera: "Gli altri tre casi si sono presentati con polmonite al pronto soccorso di Codogno. Sappiamo dove abitano, il contatto stretto con la persona deve essere indagato, alcuni non sono in grado di dare informazioni in merito, perché si tratta di quadri clinici di polmoniti importanti".

21 febbraio 12:46 Coronavirus , l’assessore Gallera: “Sono 6 i casi di Coronavirus in Lombardia”

L'assessore regionale alla salute Giulio Gallera, nel corso della conferenza stampa in Regione sul tema dei contagi dai Coronavirus, ha parlato di : "Sei casi di contagio in Lombardia". Cresce quindi l'allerta.

21 febbraio 12:40 Coronavirus in Lombardia: domani scuole chiuse a Codogno

(Immagini di repertorio)
in foto: (Immagini di repertorio)

A causa dei casi di contagio di Coronavirus riscontrati nelle ultime ore in provincia di Lodi, nella giornata di sabato 22 febbraio le scuole di Codogno resteranno chiuse.

21 febbraio 12:24 Coronavirus, il premier Conte: “Quarantena obbligatoria per chi è stato a contatto con contagiati”

 

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, attualmente a Bruxelles per il consiglio europeo, ha risposto alle domande dei giornalisti sui nuovi casi di Coronavirus in Lombardia.  "Si è appena riunito il Comitato tecnico scientifico istituito dal ministro Speranza – ha chiarito Conte-  Abbiamo certificato i tre nuovi casi. Il ministro ha appena adottato una nuova ordinanza, che dispone la quarantena obbligatoria per chi è venuto a contatto con i pazienti certificati positivi. Predisposta anche la sorveglianza attiva, un contatto costante con i medici, ma con una domiciliazione fiduciaria di 14 giorni".

21 febbraio 12:13 Coronavirus: smentito il possibile contagio nel locale di Milano

Secondo le prime ricostruzioni il 38enne di Castiglione d'Adda avrebbe contratto il Coronavirus nel corso di una cena con un amico da poco rientrato dalla Cina. Durante la conferenza stampa in regione Lombardia è stata smentita l'indiscrezione secondo cui il contagio poteva essere avvenuto in un ristorante di Milano.

21 febbraio 12:00 Coronavirus in Lombardia, il premier Conte: “Livello di massima precauzione “

(LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili)
in foto: (LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili)

Dopo gli episodi di contagio da Coronavirus in provincia di Lodi, da Bruxelles ha parlato anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte: "Siamo già a livello di massima precauzione. Da subito abbiamo adottato una linea di massima precauzione, questo ci consente di scacciare via qualsiasi allarmismo sociale e qualsiasi panico. Dovete fidarvi delle indicazioni ufficiali del ministero della Salute".

21 febbraio 11:47 Coronavirus in Lombardia: procedura di emergenza nell’azienda in cui lavora il 38enne contagiato

L'Unilever di Casalpusterlengo, azienda in cui lavora il 38enne risultato positivo al test sul Coronavirus, ha attivato le procedure di emergenza per prevenire e accertarsi che non ci siano altri casi di contagio. Si stanno già eseguendo le prime analisi sui dipendenti.

21 febbraio 11:39 Coronavirus: il 18 febbraio il primo ingresso al pronto soccorso del 38enne ricoverato

Da quanto risulta il 38enne di Castiglione d'Adda risultato positivo al test sul Coronavirus sarebbe entrato per la prima volta al pronto soccorso nella giornata di martedì 18 febbraio, per poi essere dimesso dopo alcune ore. Il giorno successivo l'uomo si è ripresentato al pronto soccorso in preda a una crisi respiratoria. L'aggravarsi delle condizioni di salute dell'uomo hanno messo in allerta i medici, che quando hanno appreso della cena con l'amico rientrato da poco dalla Cina, hanno subito eseguito le analisi necessarie e constatato il contagio del 38enne, ora ricoverato in prognosi riservata a Codogno.

21 febbraio 11:28 Coronavirus, il presidente dei medici di Lodi: “Siamo bombardati di telefonate e non abbiamo le mascherine”

(Lapresse)
in foto: (Lapresse)

Nel lodigiano sale l'apprensione dopo i casi di contagio da Coronavirus. Il presidente dell'Ordine dei Medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Lodi Massimo Vajani, intervistato dall'Adnkronos, ha dichiarato:"Da questa mattina siamo bombardati dalla chiamate dei colleghi medici di famiglia che sono allarmati per i casi positivi di coronavirus e vogliono sapere che cosa devono fare. Ora ad esempio devo andare a visitare una ragazza con febbre e non ho la mascherina, nessuno ci ha dotato di questi strumenti. Ancora non so nulla di preciso – aggiunge Vajani  – quando ci fu il pericolo Sars furono distribuite anche a noi le mascherine. Aspettiamo che qualcuno dalla prefettura ci convochi per capire il da farsi".

21 febbraio 11:18 Coronavirus: strutture militari a disposizione per eventuali quarantene

Il ministero della Difesa apre alla possibilità di mettere a disposizione strutture militari per eventuali esigenze legate alla tutela e la salvaguardia della salute dei cittadini. Dopo i casi di contagio da Coronavirus nel lodigiano infatti, le strutture della Difesa potrebbero rivelarsi utili come luoghi di quarantena per i pazienti postivi al virus.

21 febbraio 10:53 Coronavirus in Lombardia: la Regione invita i cittadini di Codogno e Castiglione a stare a casa

Aumenta l'allerta precauzionale dopo i casi di Coronavirus nel lodigiano. La Regione Lombardia, tramite una nota dell'assessore alla salute Giulio Gallera, ha invitato: "Tutti i cittadini di Castiglione d'Adda e di Codogno, a scopo precauzionale, a rimanere in ambito domiciliare e ad evitare contatti sociali".

21 febbraio 10:47 Coronavirus in Lombardia: altri possibili 5 contagiati

Cresce il numero dei possibili contagi da Coronavirus nel lodigiano. Da quanto risulta sono almeno cinque le persone che in queste ore presentano sintomi da coronavirus.

21 febbraio 10:34 Coronavirus in Lombardia: la donna contagiata è incinta

È risultata positiva al test del Coronavirus anche la moglie del 38enne ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Codogno. Da quanto risulta la donna, che è attualmente ricoverata in isolamento all'ospedale Sacco di Milano, è al settimo mese di gravidanza.

21 febbraio 10:25 Coronavirus in Lombardia: 60 persone in quarantena

Dopo i primi casi di Coronavirus registrati in Lombardia circa 60 persone saranno poste in quarantena. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ansa, secondo cui sono 60 le persone entrate in contatto con il 38enne ricoverato a Codogno in gravi condizioni. Non è ancora stato definito dove trascorreranno il periodo in quanrantena, se in una struttura ad hoc o nelle proprie abitazioni.

21 febbraio 9:58 Coronavirus: in isolamento i famigliari del 38enne ricoverato a Codogno

Sono stati messi tutti in isolamento i famigliari del 38enne contagiato dal Coronavirus, e ricoverato all'ospedale di Codogno. Lo ha detto l'assessore Gallera a RaiNews: "Abbiamo già ricostruito sia i contatti dei medici, degli infermieri, dei familiari più stretti a cui abbiamo già fatto i tamponi. Sono già stati messi tutti in isolamento o chiamati a stare in isolamento al loro domicilio. La moglie, i genitori". Gallera ha aggiunto che "la macchina quindi si è mossa con rapidità. Oggi siamo sul suo posto di lavoro" per fare "i tamponi a tutti i suoi colleghi".

21 febbraio 9:29 Coronavirus, altri due contagiati: una è la moglie del 38enne ricoverato a Codogno

Altre due persone sarebbero state contagiate dal Coronavirus. Secondo quanto apprende l'agenzia Ansa, una è la moglie del 38enne ricoverato a Codogno nel Lodigiano. La donna risulta essere stata ricoverata all'ospedale Sacco di Milano. Al Sacco anche un’altra persona che si è presentata spontaneamente sempre all'ospedale Sacco con febbre alta e difficoltà respiratorie. Sempre al Sacco, centro di riferimento per il Coronavirus in Lombardia, è ricoverato anche il collega del 38enne rientrato dalla Cina con cui ha cenato a inizio febbraio l'italiano positivo al Coronavirus ricoverato all'ospedale di Codogno. L'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera ha detto ai microfoni di Rainews che l'uomo è in isolamento.

21 febbraio 8:35 Coronavirus, primo contagio in Lombardia: non è stato di recente in Cina

C'è il primo caso di contagio da Coronavirus Covid-19 in Lombardia. Si tratta di un 38enne attualmente ricoverato in terapia intensiva, in prognosi riservata, all’ospedale Sacco di Milano. L'uomo si è presentato giovedì al pronto soccorso del nosocomio di Codogno (Lodi) con sintomi di insufficienza respiratoria.Il personale medico, seguendo il protocollo, ha immediatamente effettuato i test e i risultati, purtroppo, hanno confermato il contagio.

Non è stato in Cina

Ora le autorità sanitarie stanno ricostruendo i suoi spostamenti negli ultimi giorni per capire come sia venuto a contatto col virus di Wuhan e se abbia potuto eventualmente trasmetterlo. Stando alle prime informazioni, non sarebbe stato in Asia di recente, ma è andato a cena con un amico che era da poco rientrato dalla Cina.

Il comunicato

"Un 38enne italiano è risultato positivo al test del coronavirus. Sono in corso le controanalisi a cura dell’Istituto Superiore di Sanità – si legge nel comunicato stampa diffuso dall’Assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera -. L’uomo è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Codogno i cui accessi al pronto soccorso e le cui attività programmate, a livello cautelativo, sono attualmente interrotti. Le persone che sono state a contatto con il paziente sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie".