Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Tragedia sfiorata a Casoretto, tra Città Studi e via Padova, nord est di Milano. Stando a quanto si apprende, una ragazza di 14 anni ha minacciato di gettarsi dal balcone di casa in seguito a un litigio con la sorellina. Le due, secondo quanto ricostruito, avrebbero litigato per lo smartphone e per chi avrebbe dovuto utilizzarlo mentre la mamma era fuori per fare la spesa. La ragazzina era in casa da sola con le sorelle di 8 e 16 anni e il fatto sarebbe accaduto intorno alle 17 di ieri, 7 settembre.

I poliziotti hanno accertato che la 14enne ha discusso animatamente con la sorella più grande, anche se il motivo specifico legato allo smartphone è ancora da verificare, poi si è diretta verso la porta finestra sul balcone che dà sul balcone dell'appartamento (che si trova al secondo piano di una palazzina) e si è seduta sulla ringhiera. Le sorelle hanno subito avvertito la polizia e quando gli agenti sono arrivati sul posto la ragazzina aveva ancora le gambe rivolte all'esterno ed era pronta a gettarsi. Due agenti sono rimasti in strada pronti a salvare l'adolescente, mentre due sono saliti in casa per tentare di convincerla. Aiutati dalla madre, i poliziotti hanno cercato di parlare con la 14enne e, dopo alcuni minuti, quest'ultima ha accettato di rientrare in casa. Una volta al sicuro è stata accompagnata all'ospedale Niguarda di Milano. Secondo le prime informazioni, la giovane studentessa non aveva mai manifestato intenzioni di togliersi la vita in passato e avrebbe un ottimo rapporto con i genitori.