Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Ancora un drammatico episodio di violenza ai danni di una donna, questa volta a Lecco, dove un uomo di 46 anni è stato arrestato dopo aver preso a martellate la moglie riducendola in fin di vita. L'allarme è scattato ieri sera, mercoledì 9 ottobre, quando alcuni condomini di uno stabile di viale Montegrappa hanno richiesto l'intervento delle forze dell'ordine dopo aver sentito delle urla provenire da un appartamento: in quel momento era in corso una lite tra marito e moglie, una lite culminata in un'aggressione violentissima. L'uomo ha infatti afferrato un martello e colpito la moglie più e più volte, accanendosi sulla testa e procurandole profonde ferite: quando gli agenti della Mobile sono giunti sul posto hanno trovato il 43enne al balcone di casa mentre minacciava di gettarsi nel vuoto.

La donna sottoposta a un delicato intervento chirurgico è gravissima

Gli agenti sono riusciti a convincerlo a desistere dal gesto e si sono precipitati in casa dove hanno trovato il corpo della donna in fin di vita. Sul posto sono accorsi anche i soccorritori del 118 che hanno immediatamente prestato le prime cure alla vittima per poi trasportarla in codice all'ospedale Manzoni. Secondo quanto si apprende le sue condizioni sarebbero piuttosto gravi: al momento la prognosi resta riservata. Nella notte è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico a causa di una grossa frattura alla scatola cranica.

Il marito, 46 anni, si trova invece anche lui ricoverato all’ospedale Manzoni in stato di fermo per il reato di tentato omicidio e piantonato dagli agenti di polizia. Secondo quanto ricostruito in queste ore dagli agenti sembra che tra i due fosse in corso una complicata separazione e che l'aggressione sia avvenuta al culmine di un violento litigio. In casa, un appartamento nella zona collinare di Lecco, al momento dell'aggressione erano presenti anche i due figli della coppia, una ragazzina di 12 anni e un bambino di 8.