Un elicottero del soccorso alpino
in foto: Un elicottero del soccorso alpino

È stata una domenica drammatica sui monti della provincia di Lecco. Due persone sono morte, vittime di malori in quota. Il primo allarme è scattato attorno alle 9 al passo di Agueglio, sopra Esino Lario, dove ha perso la vita un ottantenne nonostante l'intervento dell'elisoccorso. La seconda emergenza sopra Introbio, nell'area del monte Foppabona, dove un 76enne è deceduto vicino a una baita.

Lecco, due malori sui monti: morti due anziani

È stata una giornata intensa per la stazione di Valsassina e Valvarrone della XIX Delegazione Lariana del Soccorso alpino, con tre interventi in poche ore. Poco dopo mezzogiorno, per un uomo di 78 anni colpito da un malore mentre si trovava in una baita a 1250 metri in località Pianca nel comune di Introbio. La centrale ha inviato sul posto anche l’elicottero, decollato da Caiolo (Sondrio). Il medico ha constatato il decesso dell’uomo, 78 anni. La squadra territoriale ha trasportato il corpo a valle con la barella. In seguito sono scattate altre due richieste d'intervento. La prima per un uomo che stava praticando free-climbing ed è precipitato nella zona delle placche Sherwood. Il ragazzo è stato recuperato e trasportato all’ospedale Manzoni di Lecco.

Tre interventi in poche ore per il soccorso alpino

L’ultimo intervento alle 15:30 al Passo della Culmine di San Pietro nel comune di Moggio. Una donna residente a Monza, di 69 anni, ha avuto un malore lungo il sentiero.Pochi minuti dopo è passato di lì a piedi un volontario del Soccorso alpino, che ha potuto dare alla donna un’assistenza immediata. In accordo con la centrale Soreu dei Laghi, la donna è stata portata con una Jeep privata fino alla strada principale, dove c’era l’ambulanza.