Soddisfazione per il lavoro sul bosco della droga di Rogoredo. Attenzione per le operazioni condotte nelle case popolari di via Gola e via Bolla. Priorità per le attività contro i rifiuti tossici. Ma anche la necessità di lavorare di più sulla percezione di insicurezza che si vive nella zona della stazione Centrale di Milano. Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, è tornata per un giorno alla prefettura di Milano, dove è stata padrona di casa fino a meno di un anno fa, per partecipare al tavolo per l'ordine e la sicurezza. Il ministro parlando con i giornalisti ha fatto il punto sui temi caldi della sicurezza nel capoluogo lombardo.

Lamorgese a Milano: Soddisfazione su Rogoredo, attenzione a sgomberi e rifiuti tossici

"Con molta soddisfazione su Rogoredo ho visto che probabilmente un anno fa avremmo messo la firma per la situazione come è oggi": lo ha affermato il ministro dell'Interno Luciana Lamogerse al termine del in Prefettura, ricordando alcune delle questioni aperte sul territorio. Tra gli altri temi citati dal ministro quello degli sgomberi con le operazioni che sono state condotte ad esempio i via Gola e in via Bolla e quello dei rifiuti. "Un'altra attività importante riguarda rifiuti tossici, sono stati controllati numerosi siti".

Faro sulla stazione Centrale: Lavorare su percezione di insicurezza

Infine il ministro ha sottolineato la necessità di lavorare per una maggiore percezione della sicurezza da parte dei Cittadini, a partire dalla Stazione Centrale. "L'immagine che si ha di una città è quando si arriva, ho pregato le forze di polizia di prestare la massima attenzione e fare i controlli necessarie, perché a di là della riduzione dei reati quello che conta è anche la percezione della sicurezza".

Il ministro: Attenzione particolare del governo per Milano

"Milano certamente è una città che necessita di attenzione particolare anche da parte del governo perché è un punto di riferimento in Italia, viste anche le varie manifestazioni che si sono svolte in questo periodo e che hanno avuto sempre una grande adesione anche livello internazionale, incide sul Pil italiano, quindi noi come Governo un'attenzione particolare la dobbiamo dare a una realtà che rappresenta il meglio del nostro Paese". Tra i dati citati dal ministro anche quello sulla riduzione dei reati: "Abbiamo parlato della situazione del calo criminalità, con la riduzione dei reati sul territorio dell'8,33 per cento"