Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Tragedia nel Bresciano dove un uomo di 58 anni, Giuseppe Rinaldi, è morto dopo aver perso il controllo del parapendio con il quale stava sorvolando l'area di Sale Marasino. Giuseppe, esperto della disciplina, sarebbe rimasto vittima di un repentino cambio di temperatura dell'aria che l'ha portato a perdere rapidamente quota e schiantarsi contro la montagna. Purtroppo per lui, l'esperienza accumulata in anni di voli non gli ha permesso di salvarsi, sopraffatto dallo sballottamento subìto durante i continui cambi di direzione del suo parapendio.

Giuseppe, impiegato, lascia la moglie e tre figli giovani

Originario di Provaglio d'Iseo ma residente a Bornato, Giuseppe si è lanciato nel pomeriggio di ieri, domenica 24 maggio, come aveva fatto decine di volte prima di allora. L'incidente sarebbe occorso poco dopo il suo librarsi in aria, e l'allarme è stato lanciato verso le 16.30. Sul posto si sono precipitati un'ambulanza, i carabinieri e i vigili del fuoco. Da Bergamo, poi, si è alzato in volo l'elicottero, ma per Giuseppe non c'è stato nulla da fare. L'impatto con la roccia è stato talmente violento da ucciderlo sul colpo. Difficile il recupero della salma, arrivato solo dopo l'uso di un verricello con l'ausilio dell'elicottero. Trasportata all'ospedale di Iseo, è ora in attesa degli accertamenti medico-legali prima di essere restituita alla famiglia per la funzione funebre. Giuseppe muore a 58 anni dopo una vita trascorsa tra il settore della ristorazione e la sua nuova carriera da impiegato. Lascia la moglie Maria e tre giovani figli rispettivamente di 16, 22 e 28 anni.