video suggerito
video suggerito
Covid 19

La lettera del cardiologo di Pavia su WhatsApp, Roberto Burioni: “Una bufala”

Roberto Burioni ha smontato la lettera del fantomatico cardiologo di Pavia che gira su WhatsApp e diventata virale nelle chat. Sul magazine d’informazione scientifica Medical Facts scrive: “L’ennesima bufala, lo sproloquio di un ipotetico medico, che diffonde notizie assurde”. E ha raccomandato alle persone di informarsi correttamente.
A cura di Alessia Rabbai
347 CONDIVISIONI
Roberto Burioni (La Presse)
Roberto Burioni (La Presse)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La lettera del fantomatico cardiologo di Pavia che gira su WhatsApp è una bufala. A volerlo chiarire Roberto Burioni, medico, professore e divulgatore scientifico, specialista in Immunologia Clinica ed Allergologia. In un articolo pubblicato sul magazine online di informazione scientifica Medical Facts, ha messo nero su bianco il debunking della fake news definendola "l’ennesima bufala, lo sproloquio di un ipotetico cardiologo di Pavia, che diffonde notizie assurde". La lettera, una bufala che trae conclusioni per il Covid senza alcun fondamento scientifico, è stata condivisa da tantissimi utenti e diventata virale nelle chat.

La lettera del cardiologo di Pavia che gira su WhatsApp

Si tratta nello specifico, di una lettera che sta circolando su WhatsApp di un ipotetico cardiologo di Pavia, che non si presenta e di cui non sono citati nome e cognome, che vorrebbe convincere gli utenti di aver capito tutto sul coronavirus, mentre il resto del Mondo si sbaglia e di aver trovato la soluzione alla pandemia in una cura semplicissima.

Burioni: "Una bufala, conclusioni senza senso"

"Purtroppo, così come il farmaco russo e il farmaco giapponese, anche questa è una scemenza di proporzioni immense – scrive Burioni nel suo articolo – Lo scritto mette insieme alcune cose vere con altre scemenze olimpioniche, e arriva a conclusioni che definire senza senso è generoso. Insomma, anche in questo caso una bufala". E aggiunge, raccomandando ai lettori di informarsi in maniera attenta e corretta: "Ricordatevi che le notizie di nuove cure non arriveranno su Whatsapp dalla chat dei genitori della scuola o dei giocatori di calcetto: le troverete nelle riviste scientifiche".

347 CONDIVISIONI
32818 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views