Quattro ragazzine di età compresa tra i 10 e i 12 anni, vittime di abusi da parte di un uomo di 47 anni, allenatore di Como, che durante un campo estivo avrebbe costretto le giovani vittime a subire atti sessuali. La denuncia giunge proprio da loro, dalle ragazzine vittime di questa storia che dopo essere tornata a casa dalla colonia estiva trascorsa in una nota struttura di Marina di Massa hanno raccontato alle proprie famiglie quanto accaduto. Secondo quanto riportato da IlGiorno,it la violenza risalirebbe a una notte di luglio scorso quando l'uomo intorno alle 5 si sarebbe introdotto nelle camere delle ragazzine costringendole con la minaccia ad atti sessuali.

Non parlate a nessuno di quanto accaduto, altrimenti mi arrabbio

Il modus operandi sarebbe stato il medesimo in tutti e quattro i casi: il 47enne si sarebbe infatti avvicinato ai loro letti tentando un approccio fisico e minacciandole per avere il loro silenzio. "Non ti muovere altrimenti le altre si svegliano", avrebbe ripetuto alle sue vittime, l'orco, prima di palpeggiarle. "Non parlate a nessuno di quanto accaduto, altrimenti mi arrabbio", avrebbe poi concluso al termine degli abusi. Una storia venuta alla luce tra lacrime e singhiozzi delle vittime che hanno raccontato l'accaduto ai genitori non appena tornate a casa dalla colonia estiva. Poi la denuncia alle forze dell'ordine che ha fatto partire le indagini. Ora l'uomo, che era uno dei tecnici ai quali le piccole erano state affidate, dovrà rispondere dell'accusa di violenza sessuale aggravata e violazione di domicilio.