Milano nel primo giorno di aperture
in foto: Milano nel primo giorno di aperture

L'indice di contagio in Lombardia è sceso a 0,89 tornando sotto la quota d'allarme di 1: è quanto emerso dal monitoraggio settimanale del ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità sull'indice di contagio nelle regioni italiane. La scorsa settimana la regione Lombardia aveva invece evidenziato un indice Rt pari a 1,01.

Come spiega l'Istituto Superiore di Sanità "se Rt ha un valore inferiore alla soglia critica di 1, il numero di nuove infezioni tenderà a decrescere tanto più velocemente quanto più è lontano dall’unità. Per contro, quanto più Rt supera 1, tanto più rapidamente aumenterà il numero dei contagi. Un valore di Rt sopra la soglia, anche in presenza di un numero basso di casi, è un campanello di allarme sull’andamento epidemico". Le regioni che hanno superato la soglia dell'1 sono l'Emilia Romagna (1,28 da 1,01, su cui il focolaio a Bologna), il Veneto (1,12 contro lo 0,81 della scorsa settimana), come preannunciato dal governatore Zaia, e il Lazio, che migliora (da 1,24 a 1,04) ma rimane sopra la soglia. Al limite la Toscana (0,99) mentre sale anche il Piemonte (0,81). Al Sud invece preoccupa la Campania che sale da 0,21 a 0,82 a causa dei focolai registrati negli ultimi giorni.

Il bollettino di oggi venerdì 3 luglio relativo alla Lombardia ha evidenziato 115 nuovi casi positivi (di cui 35 a seguito di test sierologico e 34 debolmente positivi) su 9.758 tamponi effettuati e 4 decessi. Stabile il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva (sono 41) così come quello dei pazienti ricoverati in ospedale (241).