Alla fine la decisione è stata presa: la passerella di Christo sul lago d'Iseo resterà sempre chiusa di notte. Così ha disposto il prefetto.  "L'opera si sta usurando più del previsto. I 270mila spettatori hanno prodotto un'usura dell'opera che è pari a quella che l'artista immaginava a metà dell'esposizione e quindi si rende necessario intervenire con rammendo o sostituzione del telo in alcuni punti", ha spiegato il prefetto, che poi ha aggiunto: "Il sindaco di Monte Isola ha delle esigenze di igiene pubblica, di svuotamento e pulizia dell'isola che diversamente non riescono a essere garantite".

Il prefetto di Brescia, Valerio Valenti, ieri aveva parlato della necessità di modificare l'offerta dei trasporti pubblici che consentono di arrivare nei pressi del lago d'Iseo. "L'opera è un'opportunità, non è un diritto. La piazza di Sulzano non è in grado di contenere tutte le persone che arrivano con le navette e con i treni. Per questo cercheremo di modificare l'offerta dei trasporti, potenziando soprattutto quella sull'acqua", aveva detto.