Il Duomo di Milano si è colorato di rosa per celebrare i 25 anni della lotta contro il tumore al seno. Ieri sera alle 20.30 la Cattedrale simbolo di Milano nel mondo è stato il primo monumento ad illuminarsi di rosa per la Breast Cancer Campaign (Bcc) promossa da The Estée Lauder Companies. Un colore che, per quanto insolito, non è casuale: nell'ottobre del 1992 infatti per la prima volta Evelyn H. Lauder nel 1992 ideò il "Nastro rosa" come simbolo della lotta al tumore femminile. Da allora ogni anno si rinnova l'impegno della campagna, che in Italia vede schierata accanto al gruppo cosmetico anche l'Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc).

Obiettivo della campagna è sconfiggere il cancro al seno

Nonostante i grandi progressi della ricerca e della medicina, ogni anno in Italia il cancro al seno colpisce ancora una donna su otto nell'arco della vita. Alla fine del 2017 saranno circa 50mila i nuovi casi. Oggi, grazie ai progressi medici, la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi di cancro al seno è salita all'87 per cento. La campagna, che ha mutato nome (in origine si chiamava Bca, Breast cancer awareness), mira a riuscire a curare il cancro al seno nel 100 per cento dei casi. L'attrice Alessandra Mastronardi è stata la madrina di questa edizione, in cui si è voluto ricordare anche Francesca Del Rosso: la giornalista e blogger, conosciuta come "Wondy", che pur sconfitta dal cancro ha lasciato un'eredità importante per tutti coloro impegnati nella lotta alla malattia. Tanti i partecipanti che si sono radunati ieri sul sagrato del Duomo, liberando centinaia di palloncini colorati.