61.485 CONDIVISIONI
Covid 19
10 Luglio 2020
17:58

Figlio di Roberto Stella, primo medico morto di Covid, si laurea in Medicina: “Dedicata a papà”

Massimo Stella, presidente dell’Ordine dei medici di Varese, è scomparso lo scorso 11 marzo per un’insufficienza respiratoria provocata dal coronavirus. Oggi il figlio Massimo, 25 anni, si è laureato in Medicina e Chirurgia con il massimo dei voti, e ha voluto dedicare il traguardo al genitore scomparso.
A cura di Simone Gorla
61.485 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Suo padre Massimo Stella, presidente dell'Ordine dei medici di Varese, è morto per il Covid agli inizi di marzo, primo medico a cadere vittima della pandemia in Italia. Oggi il figlio Massimo si è laureato in Medicina e Chirurgia con il massimo dei voti, 110 e lode, e ha voluto dedicare il traguardo al genitore scomparso.

Presidente dell'Ordine dei medici di Varese ucciso dal covid: il figlio si laurea in Medicina

Una laurea che assume un forte valore simbolico per il 25enne varesino, che si prepara a seguire le orme del padre scomparso lottando in prima linea contro l'epidemia di coronavirus. "Voglio dedicare questo traguardo e questa giornata al mio papà", ha detto il neo dottore."Complimenti Massimo", ha scritto il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, "abbiamo bisogno di bravi nuovi medici, come lo è stato il tuo papà che sono certo da lassù è orgoglioso di te".

Roberto Stella è scomparso l'11 marzo

Primo medico vittima del covid in Italia, Roberto Stella è scomparso all'alba dell'11 marzo all'età di 67 anni. Svolgeva la sua professione a Busto Arsizio ed era stato ricoverato all’ospedale di Como per i sintomi dell'infezione da coronavirus. È stato stroncato da un’insufficienza respiratoria grave. “I suoi pazienti hanno perso un amico ed un uomo capace di curare e prendersi cura senza limiti”, lo aveva salutato l’Ordine dei medici di Varese.

I medici varesini avevano ricordato con affetto il loro presidente, stringendosi alla sua famiglia: "Il Servizio Sanitario Nazionale e lombardo, la Medicina nazionale e varesina hanno perso una guida attenta, un amico sicuro, un lavoratore appassionato, acuto, instancabile; i suoi pazienti hanno perso un amico ed un uomo capace di curare e prendersi cura senza limiti".

61.485 CONDIVISIONI
29760 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni