Sono stati i rami di un albero ad attutire la caduta di un bimbo di due anni, salvo per miracolo. Il piccolo è precipitato dal terzo piano di un palazzo in via Caudana, nel quartiere San Felice a Cremona venerdì scorso 12 luglio, ma fortunatamente quella pianta era lì, proprio sotto all'edificio, e ha scongiurato che l'impatto con il suolo sottostante potesse risultargli fatale. Ora il bimbo si trova ancora nell'ospedale Papa Giovanni XXIII, ricoverato nel reparto di Terapia intensiva la prognosi resta riservata, tuttavia pare che le sue condizioni starebbero lentamente migliorando. Sull'accaduto indaga la Polizia di Stato di Cremona. I poliziotti hanno ascoltato il testimone che ha assistito alla scena e i genitori del bambino, per accertare che non ci siano responsabilità dolose a loro carico, ma pare che si sia trattato di un incidente.

Bimbo caduto dal terzo piano a Cremona

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, erano circa le 18 quando la madre e il padre erano convinti che il piccolo stesse dormendo nella sua stanza. Il bimbo invece, lontano dagli occhi della madre e del padre è avvicinato alla finestra che affaccia sul balcone, lasciata aperta dai genitori per far entrare un  po' d'aria. Il bimbo si sarebbe arrampicato sul davanzale, per poi sporgersi e cadere nel vuoto. A notare l'accaduto è stato un uomo che non ha potuto fare niente per impedirlo, ma che si è subito precipitato ad avvertire i genitori e a chiamare i soccorsi. Poi, la corsa disperata in ospedale, una tragedia sfiorata: le sue condizioni di salute sono parse fin da subito gravi, ma almeno era ancora vivo.