505 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Marzo 2020
21:05

Coronavirus, traffico in tilt sull’autostrada A4 tra Milano e Bergamo per i controlli della polizia

A guardare l’immagine sembra di commentare uno degli esodi estivi, eppure si tratta della coda creatasi oggi, mercoledì 25 marzo, sull’autostrada A4 tra Milano e Bergamo a causa dei controlli della polizia per verificare che coloro che stanno circolando ne abbiamo l’autorizzazione. L’ultimo decreto del Governo, che ha inasprito misure e sanzioni, vuole contenere al massimo la diffusione del Coronavirus.
A cura di Filippo M. Capra
505 CONDIVISIONI
La coda in autostrada
La coda in autostrada
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

A guardare l'immagine sembra di commentare uno degli esodi estivi in cui i turisti si spostano da una città all'altra per trascorrere le vacanze lontano dal proprio domicilio. Eppure si tratta della coda creatasi oggi, mercoledì 25 marzo, sull'autostrada A4 tra Milano e Bergamo in direzione Venezia. La lunghissima fila di macchine e camion è dettata dal posto di blocco della polizia all'altezza del casello Cavenago/Cambiago che ha rallentato, fino a fermare, il traffico sul tratto, volto a verificare che chiunque circolasse fosse autorizzato a farlo.

Autostrada A4 bloccata, controllato ogni veicolo (tranne i tir)

Ciò per via dell'inasprimento delle misure di contenimento volute sia dal Governo, con un nuovo decreto, che dalla Lombardia, con la sua ordinanza. Tutti coloro che hanno viaggiato sull'A4 oggi, ad eccezione dei camion ugualmente rimasti bloccati nella coda, sono stati controllati dalle forze dell'ordine che hanno accertato il loro spostamento fosse giustificato. Da nuova ordinanza del ministero dell'Interno, infatti, ci si può ormai spostare tra comuni e all'interno dei medesimi solo per comprovate necessità di lavoro, di emergenza o questioni di salute. Ieri, martedì 24 marzo, i controlli sono stati eseguiti all'altezza di Melegnano. E, come oggi, sono stati fermati solamente i conducenti di automobili in viaggio, lasciando scorrere i conducenti dei mezzi pesanti. Per tutti coloro che vengono trovati fuori dal proprio domicilio senza una motivazione valida, scatta la denuncia per violazione dell'articolo 650 del codice penale.

505 CONDIVISIONI
31081 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni